Cosa Si Intende Per Connessioni Simultanee delle VPN?

Cosa Si Intende Per Connessioni Simultanee delle VPN?

Se stai acquistando una VPN, ti sarai imbattuto nel termine “connessioni simultanee”. Molti provider amano pubblicizzare il numero di connessioni simultanee che sono in grado di offrire, ma cosa sono esattamente e come funzionano?

 

Cosa sono le connessioni simultanee?

Nel caso delle VPN, si parla di connessioni simultanee quando nel tuo abbonamento VPN è attivo più di un dispositivo (la connessione) allo stesso tempo (questa è la parte “simultanea”). Più il tuo provider ne consente, più connessioni puoi avere aperte allo stesso tempo.

Non vanno confuse con lo split tunneling, ovvero quando una VPN ti permette di decidere quali programmi utilizzano e quali no la VPN. Le connessioni simultanee sono connessioni indipendenti, quindi il tuo telefono può connettersi a Roma mentre il tuo laptop è connesso a Milano.

 

Le connessioni simultanee sono importanti per gli utenti perché senza di esse dovresti sottoscrivere un abbonamento separato per ogni laptop, desktop e smartphone attivo, il che sarebbe molto costoso – anche le VPN più economiche come Surfshark possono costare circa 60 dollari all’anno.

Invece, un unico abbonamento servirà più dispositivi senza costi aggiuntivi.

 

Connessioni, non dispositivi

Nota, però, che parliamo di “connessioni attive”. Quasi tutti i fornitori di VPN ti permetteranno di installare il loro client – il programma che ti permette di utilizzare la VPN – su tutti i computer che vuoi. È solo il numero di dispositivi che utilizzano la VPN a essere limitato.

Ad esempio, puoi installare ExpressVPN, che consente fino a cinque connessioni simultanee, su tutti i tuoi dispositivi e su quelli di tutta la tua famiglia; purché siano attivi solo cinque client VPN contemporaneamente, non ci sono problemi.

Detto questo, tieni presente che alcuni servizi VPN adottano un approccio diverso. Ad esempio, CyberGhost ti permette di aggiungere al tuo account solo un certo numero di dispositivi, limitato dal tuo piano. Solo i dispositivi registrati possono essere attivi allo stesso tempo.

A parte queste poche eccezioni, però, la maggior parte dei provider VPN segue la regola di consentire installazioni illimitate e di limitare solo le connessioni attive.

Vantaggi delle connessioni simultanee

Probabilmente puoi intuire perché le connessioni simultanee sono una buona cosa: un abbonamento può aiutare più dispositivi per più persone, il che significa che devi pagare solo per uno, non per più account. In linea di massima, inoltre, l’utilizzo di più connessioni contemporaneamente non rallenta la tua connessione, quindi non è detto che collegare più di un dispositivo influisca sulle prestazioni.

Se vuoi condividere una VPN con la tua famiglia o se gestisci un piccolo ufficio, potrebbe essere una buona idea fare un po’ di shopping e trovare un provider VPN che offra molte connessioni simultanee.

 

Quali VPN offrono connessioni simultanee?

La maggior parte dei servizi che abbiamo presentato nella nostra carrellata delle migliori VPN offre un numero decente di connessioni. Purtroppo, il nostro provider preferito, ExpressVPN, ne consente solo cinque, il che non è il massimo considerando il prezzo di 100 dollari all’anno. La sua rivale NordVPN è solo leggermente migliore e ti permette di avere sei connessioni simultanee.

 

Dall’altra parte dello spettro, ci sono anche VPN che offrono molto di più, o addirittura connessioni illimitate. Ad esempio, Private Internet Access ti permette di collegare fino a 10 dispositivi contemporaneamente, mentre Windscribe e la già citata Surfshark ti permettono di collegarne un numero illimitato.

Se hai molti dispositivi che intendi utilizzare contemporaneamente con la VPN, cerca una VPN che offra tutte le connessioni simultanee di cui hai bisogno.

 

Come aggirare le restrizioni

Detto questo, se ti piace molto un particolare servizio e vuoi utilizzare contemporaneamente un numero di dispositivi superiore a quello consentito, puoi prendere in considerazione l’utilizzo di un router VPN. Si tratta di un router WiFi su cui è installata la VPN. In questo modo, puoi far sì che un’intera rete utilizzi la VPN, ma che venga considerata come una singola connessione, il che è molto interessante.

Per la maggior parte delle persone, tuttavia, dovrebbe essere sufficiente utilizzare le connessioni simultanee consentite dalla propria VPN, quindi assicurati di installare il client della tua VPN dove preferisci.

 

Articoli che ti potrebbero interessare: 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Attiva Notifiche OK No Grazie