Recensione Xbox Serie S

Recensione Xbox Serie S

 

La Xbox Series S è una piccola console sorprendentemente potente.

 

La Xbox Series S è una delle console più insolite che ho visto negli ultimi anni. È una versione meno costosa e meno potente dell’ammiraglia Xbox Series X di Microsoft – il tipo di cosa che ti aspetteresti di vedere dopo qualche anno di vita di una console, come una Wii Mini o una PS2 Slim. Eppure, eccola qui: un’elegante scatola bianca che viene lanciata lo stesso giorno della sua controparte più grande e potente.

A 300 Euro, la Xbox Series S è molto più facile per il portafoglio rispetto alla Xbox Series X da 500 Euro, ma il prezzo non è mai la stessa cosa del valore. La Xbox Series S vale i tuoi soldi – e, cosa più importante, continuerà a valere i tuoi soldi per tutta la durata dell’attuale generazione di console?

 

Leggi anche: App VPN per una Navigazione Privata Sicura

 

Mentre è impossibile dire cosa potrebbe accadere in futuro, avendo messo la Serie S alla prova, mi trovo cautamente ottimista riguardo al dispositivo. No, non è potente come la Xbox Series X. Il suo hardware limita ciò che può fare, dal punto di vista delle prestazioni, dello storage, della retrocompatibilità e dei media.

 

Eppure, una volta superato questo, è ancora una console potente con una quantità sbalorditiva di giochi in offerta – per non parlare del fatto che riproduce media in streaming con facilità e non occuperà molto spazio in casa tua.

 

Avvicinati alla Xbox Series S come l’alfa e l’omega del gioco di prossima generazione a tuo rischio e pericolo – ma avvicinati ad essa come un dispositivo iniziale o di accompagnamento e potresti rimanere piacevolmente sorpreso.

Non sarà mai la macchina da gioco più potente sul mercato (per quello potresti aver bisogno di guardare uno dei migliori PC da gioco) ma questo affascinante piccolo gadget ha molto da offrire, se sai cosa aspettarti. Leggi la nostra recensione di Xbox Series S qui sotto per la storia completa.

 

 

 

Prezzo e disponibilità

 

Come la Xbox Series X, la Xbox Series S debutterà in tutto il mondo il 10 novembre. A differenza della Xbox Series X, però, la Xbox Series S costerà solo 300 euro – un bel salto di qualità rispetto ai 500 euro della Series X.

Oltre a questo, la Serie S sarà disponibile ovunque ti piaccia comprare elettronica, che sia Amazon, Best Buy, Target, Walmart, GameStop, il retro di un camion in un vicolo locale, ecc.

 

Non possiamo collegarci direttamente a questi rivenditori al momento, poiché i preordini di Xbox Series S sono esauriti da settimane e le pagine complete dei prodotti non sono ancora disponibili. Ma puoi monitorare le scorte sulla nostra pagina di pre-ordine di Xbox Series X, che dovrebbe farti sapere quando e dove cercare.

Come la maggior parte delle console al lancio, ci aspettiamo che la Xbox Series S sia esaurita e difficile da trovare per un po’. Ma le prove aneddotiche suggeriscono che è molto meno richiesta della Xbox Series X. Delle tre nuove console, la Xbox Series S potrebbe essere la più facile da trovare nei prossimi mesi.

 

Puoi anche noleggiare una Xbox Series S direttamente da Microsoft attraverso il suo programma Xbox All Access. Questo costa 25 euro al mese per 24 mesi e ti dà accesso ad un abbonamento Xbox Game Pass Ultimate oltre alla console stessa. Ci sono pro e contro nel leasing di una console, ma se lo valuti, è leggermente meno costoso che comprare una Xbox Series S e 24 mesi di Game Pass Ultimate da solo.

 

 

 

Design

Quando ho tirato fuori per la prima volta la Xbox Series S dalla sua scatola, non riuscivo a credere quanto fosse piccola.

La console misura 10,8 x 5,9 x 2,6 pollici, il che la rende significativamente più piccola di PS5, PS4, Xbox Series X o Xbox One. (Ha circa le stesse dimensioni di un Wii U, ma ci puoi giocare a molti più giochi).

 

La maggior parte della console è bianca, tranne una bocchetta circolare nera in cima, che contrasta piacevolmente con il resto della struttura. Ha dei piedini in gomma su una delle superfici orizzontali e una di quelle verticali e c’è molta ventilazione, in qualsiasi modo la si orienti.

Anche se “la console è molto piccola” potrebbe non sembrare un punto di forza, sono rimasto sorpreso di quanta differenza abbia fatto la dimensione della Serie S. Il mio centro di intrattenimento è già sovraccarico di gadget, ma non ho avuto problemi a trovare un piccolo angolo per la Serie S.

 

Quando ho finito i test, l’ho spostata nella mia camera da letto e l’ho infilata proprio tra un grande supporto TV e il bordo di un cassettone affollato. Anche la mia compagna, che si oppone alle console in camera da letto a causa delle loro dimensioni mostruose, ha accettato a malincuore questo dispositivo.

 

 

 

Recensione Xbox Series S: Porte

 

Recensione Xbox Serie S porte

Come la Xbox Series X, la Xbox Series S mantiene le sue porte semplici. C’è una porta USB-A nella parte anteriore, insieme a un pulsante di accensione e un pulsante di accoppiamento.

Poiché la Serie S non ha un’unità disco, il resto del pannello frontale è solo spazio vuoto. Sul retro, ci sono altre due porte USB-A, una porta HDMI, una porta Ethernet e una porta di alimentazione.

Mi aspettavo quasi che la porta Ethernet mancasse, dato che di solito è la prima cosa ad andarsene nelle varianti di gadget più economiche, ma sono contento che ci sia ancora.

 

La mia lamentela qui è la stessa della Xbox Series X: non ci sono porte USB-C. Per delle console che apparentemente dovrebbero durare dai cinque ai sette anni, questa sembra una svista enorme. L’USB-C fornisce una ricarica e un trasferimento di dati più veloce, per non parlare dei nuovi accessori di gioco che si basano su dongle USB-C. Mentre USB-A va ancora bene per il momento, la mancanza di porte USB-C è una grande opportunità mancata.

 

 

 

Recensione Xbox Series S: Interfaccia

Se hai usato l’interfaccia di Xbox One, allora hai usato l’interfaccia di Xbox Series S. Non sono io che faccio il timido, è semplicemente un’osservazione. Mentre Microsoft ha aggiornato la vetrina di Xbox negli ultimi mesi, l’interfaccia reale non è cambiata significativamente negli ultimi anni.

 

Quando avvii la console, vedrai ancora una schermata iniziale con tutti i tuoi giochi e attività più recenti. Quando scorri verso il basso, vedrai ancora le opzioni Store, Media e Game Pass. Premi il pulsante Xbox sul controller e sarai in grado di navigare tra i tuoi giochi e le applicazioni, vedere la tua libreria completa, vedere le notifiche di sistema, gestire la tua lista di amici, vedere i tuoi successi, accedere alle impostazioni e così via.

 

Non ha molto senso descrivere l’interfaccia di Xbox Series S in dettaglio esaustivo, dato che quasi sicuramente l’hai già vista (o qualcosa di simile). Non è un’interfaccia particolarmente bella, ma ti porta dove hai bisogno di andare con relativamente poco attrito, specialmente una volta che hai imparato a muoverti. Se hai usato la Xbox One negli ultimi anni, sarai in grado di tuffarti subito, il che è un vantaggio.

Infatti, la cosa migliore dell’interfaccia della Serie S è probabilmente la sua coerenza. Negli ultimi mesi, Microsoft ha rinnovato il suo negozio, così come le sue applicazioni Xbox per PC e Android. Ora c’è una grande coerenza tra Xbox Series X, Xbox Series S, Xbox One, app Xbox PC e app Xbox Android.

 

Il messaggio è chiaro: Microsoft sta costruendo un ecosistema Xbox, e sarai in grado di accedere a questa esperienza da quasi ovunque.

Ciò che l’interfaccia di Xbox Series S manca in estetica, lo recupera in utilità – specialmente se consideri quanti giochi puoi accedere tramite Xbox Game Pass su due diverse generazioni di console, oltre che su PC e dispositivi mobili.

Ti può interessare anche: Come Scaricare Video di Alta Qualità con 4K Video Downloader

 

 

Recensione Xbox Series S: Prestazioni

 

A rischio di affermare l’ovvio, la Xbox Series S non è così potente come la Xbox Series X. Se hai familiarità con le specifiche hardware delle due console, allora saprai perché. Mentre la Serie X vanta una GPU con fino a 12 teraflop di output, 16 GB di RAM, 1 TB di storage SSD e un’unità disco Blu-ray 4K, la Serie S ha una GPU con fino a 4 teraflop di output, 10 GB di RAM, 512 GB di storage SSD e nessuna unità disco.

 

La maggior parte dei giochi Xbox Series X girerà a risoluzione 4K e 60 fotogrammi al secondo, anche se alcuni titoli supporteranno risoluzioni fino a 8K e frame rate fino a 120 fotogrammi al secondo. Xbox Series S, d’altra parte, ha una risoluzione massima di 1440p per i giochi – anche se il frame rate di 120 fps è ancora tecnicamente possibile.

Senza entrare troppo nel dettaglio, la linea di fondo è che la Xbox Series S è molto meno potente della Series X, ed è per questo che costa molto meno. Tuttavia, le modeste specifiche della Serie S possono essere un motivo di rottura, un fastidio o un non problema, a seconda della tua configurazione e di come intendi utilizzare la console.

 

Ho eseguito tre test per valutare le prestazioni della Xbox Series S. Per prima cosa, ho scelto quattro giochi dalla lista “ottimizzata per Xbox Series X/S” di Microsoft: Gears 5, Maneater, Ori and the Will of the Wisps e Yakuza: Come un drago. Questi giochi funzionano tutti bene su Xbox One, ma Microsoft promette una migliore illuminazione, texture, frame rate e così via sulla Serie S – e specialmente sulla Xbox Serie X.

Poi ho giocato segmenti di ogni gioco su una Xbox Series X su una TV 4K, una Xbox Series S su una TV 4K e una Xbox Series S su una TV 1080p.

 

In questo modo, ho potuto confrontare non solo quanto bene la Series S si è confrontata con la Series X, ma anche se la Series S è una buona scelta per gli acquirenti con televisori più vecchi.

(Ricorda: Nemmeno la metà delle famiglie americane possiede attualmente televisori 4K. Mentre i televisori a 1080p non sono esattamente tecnologia all’avanguardia, sono molto più comuni di quanto si possa pensare – specialmente, forse, tra una fascia demografica che pagherebbe 300 dollari per una nuova console di gioco, ma non 500 euro).

 

 

I risultati di questi test qualitativi sono stati una piacevole sorpresa. Non ti scioccherà sapere che i quattro giochi che ho testato sembravano migliori sulla Xbox Series X. Ma la Xbox Series S non sembrava affatto male in confronto; infatti, la maggior parte delle differenze erano molto sottili, anche se osservate su una TV OLED 4K con HDR attivo.

In generale, la Xbox Series X ha offerto tavolozze di colori più ricche, distanze di disegno migliori e texture leggermente più dettagliate – ma queste sono state le uniche grandi differenze che ho notato, anche quando le ho cercate in modo specifico. In Gears 5, la Serie S non ha catturato i dettagli in una stanza buia come ha fatto la Serie X.

 

Ma nei livelli aperti, rendeva ancora i personaggi, gli sfondi e gli oggetti splendidamente. In Yakuza: Like a Dragon, la Xbox Series X ha mostrato pubblicità più nitide e colorate nelle strade meschine di Yokohama, ma i modelli dei personaggi erano ancora ricchi e dettagliati sulla Series S – e, cosa importante, il frame rate non soffriva di alcun rallentamento apprezzabile su entrambe le piattaforme.

 

Forse la più grande differenza che ho notato è stata in Maneater, dove la Serie X aveva colori più profondi e ricchi per il suo paesaggio sottomarino.

Ma anche in questo caso, è il tipo di cosa che mi è rimasta impressa solo perché ho giocato i due giochi sulle due diverse console uno dopo l’altro. In generale, la Serie S esegue l’upscaling dei contenuti a 4K meravigliosamente – e se hai un display 1440p, non avrai affatto bisogno dell’upscaling.

 

La Xbox Series X ha anche caricato i contenuti un po’ più velocemente, ma non tanto quanto mi aspettavo. In tutti e quattro i giochi che ho testato, ho misurato i tempi di caricamento in secondi piuttosto che in minuti, anche andando direttamente dalla schermata principale in un file di salvataggio.

 

I tempi di caricamento tra i livelli erano abbastanza veloci che non potevo nemmeno tirare fuori il mio telefono per cronometrarli. Certo, ci è voluto un po’ per passare attraverso le schermate dei titoli di Gears 5 sulla Serie S – ma la Serie X non è stata così veloce come mi aspettavo.

L’unico vero aspetto negativo delle prestazioni della Serie S è che su una TV 1080p, sembra quasi identico a quello che si trova su una Xbox One. Tuttavia, carica ancora i contenuti molto più velocemente rispetto alla Xbox One – e dato che la Xbox One costa ancora 300 dollari, la Serie S è un acquisto molto più intelligente fin dall’inizio.

 

 

Recensione Xbox Series S: Quick Resume

 

La Xbox Series S ha una caratteristica che vale la pena discutere da sola: Quick Resume. Questa nuova innovazione, presente anche nella Serie X, ti permette di sospendere una manciata di giochi, per poi passare da uno all’altro senza dover riavviare ogni gioco e ricaricare i tuoi file di salvataggio.

Qualche avvertimento: Non è istantaneo, non funziona con tutti i giochi e non puoi farlo con più di quattro o cinque giochi alla volta. Ma è comunque una caratteristica utile, soprattutto perché persiste anche dopo aver spento la console.

 

Quick Resume non è perfetto. Dopo aver riavviato la mia console, i miei giochi si bloccavano a volte, il che significava che dovevo comunque avviare il software da zero. Ma è una caratteristica utile se ti piace saltare tra più giochi in una singola sessione di gioco – e non vale davvero la pena scrivere a casa, se non lo fai.

 

 

 

Compatibilità con le versioni precedenti

 

Come la Xbox Series X, la Xbox Series S è retrocompatibile con quasi tutti i titoli Xbox One, più decine di titoli Xbox 360 e Xbox originali. Microsoft ha discusso a lungo di questa caratteristica per mesi, quindi non la ripeterò in dettaglio qui. Basti dire che se hai mai posseduto una console Xbox prima d’ora, puoi partire con la Serie S con la tua libreria intatta.

Più o meno.

Mentre provavo la Xbox Series S, ho notato un problema di retrocompatibilità che non avevo con la Xbox Series X: non c’è un’unità disco. Questo sembra quasi troppo ovvio da sottolineare, se non fosse che rende la retrocompatibilità un po’ più spinosa.

 

Mentre l’acquisto di giochi digitali è diventato estremamente comune negli ultimi anni, non era diffuso all’inizio della generazione Xbox One – ed era ancora meno accessibile prima.

In altre parole, se hai una grande libreria fisica Xbox/Xbox 360, non ti servirà a molto sulla Xbox Series S. Dovrai comprare di nuovo quei giochi in digitale, sperare che vengano aggiunti a Xbox Game Pass, o semplicemente ingoiare il rospo e comprare una Xbox Series X.

 

La buona notizia è che per i giochi digitali retrocompatibili, la Xbox Series S funziona meravigliosamente, spesso eseguendo titoli con risoluzioni e frame rate migliori di prima. (Questo varia da gioco a gioco; Microsoft non ha ancora una lista completa dei miglioramenti disponibili, quindi prova i tuoi preferiti e vedi come vanno). È una manna per gli early adopters nel mercato dei giochi digitali, se non altro.

Leggi anche: I Migliori Smartwatch, Cosa Sono e Quali Acquistare!

 

 

 

Recensione Xbox Series S: Controller

 

Un’altra innovazione di Xbox Series S che fa di più con meno è il suo controller.

Per la maggior parte, il controller della Xbox Series S è identico a quello della Xbox One: due impugnature estese, due stick analogici sfalsati, un D-pad, quattro pulsanti frontali, quattro pulsanti a spalla, due pulsanti per le opzioni e un pulsante di accensione, tutti nello stesso posto di prima.

 

Non è fino a quando non prendi in mano un controller Xbox Series S che inizi a sentire la differenza. La superficie è opaca e un po’ più resistente al sudore rispetto a prima. Ancora più importante, le impugnature sono ora strutturate nella parte posteriore, il che rende il controller più facile da tenere e più comodo in generale.

 

C’è anche un pulsante “condividi” al centro del controller, che ti permette di fare screenshot e video clip e quant’altro – io non l’ho mai usato, ma tu potresti.

L’unico grande svantaggio del controller è che si basa ancora su batterie AA fuori dalla scatola, piuttosto che su una batteria ricaricabile più ecologica (e, per l’utente finale, poco costosa). È ancora possibile acquistare pacchi di batterie ricaricabili separatamente, ma è solo un altro costo inutile che Microsoft avrebbe potuto – e dovuto – sostenere, soprattutto perché ogni set di AA ti darà solo circa 30 ore di vita.

 

 

Libreria di giochi

 

Se vuoi sapere a cosa giocherai su Xbox Series S, rileggi la sezione sulla retrocompatibilità; per il momento, è praticamente tutto quello che avrai. Microsoft non ha alcun “titolo di lancio” per la Serie S, ma ricade nella sua lista di 30 giochi ottimizzati. Alcuni di essi, come Assassin’s Creed Valhalla e Dirt 5 sono, infatti, nuovi di zecca. Ma ogni singolo gioco sulla lista di Microsoft è disponibile anche su Xbox One, PC o, in molti casi, su PS4.

Questo fa parte della grande strategia di Microsoft di costruire un ecosistema piuttosto che vendere hardware, ma è comunque deludente iniziare una nuova generazione di console senza un titolo di punta che mostri tutto ciò che ci si può aspettare dal sistema.

 

È ancora più deludente che la maggior parte dei giochi “ottimizzati per Xbox Series X/S” siano usciti da mesi (o anni), e c’è una buona probabilità che tu abbia già giocato a molti di loro.

D’altra parte, dove la Xbox Series S eccelle è nella sua connettività Xbox Game Pass. Per coloro che non hanno familiarità con esso, Xbox Game Pass ti permette di scaricare più di 100 giochi di successo (compresi tutti i titoli di Microsoft) per una tariffa mensile fissa: tra i 5 e i 15 euro, a seconda di quanti campanelli e fischietti vuoi.

 

L’interfaccia di Xbox Series S integra Game Pass in modo importante, il che è sicuramente odioso per le persone che preferiscono comprare i loro giochi, ma molto conveniente per le persone che sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo ed emozionante da giocare.

Supponiamo che tu prenda una Xbox Series S e non abbia assolutamente nulla a cui giocare. Per 9,90 euro al mese, Xbox Game Pass Ultimate ti darà accesso alle serie Halo e Gears of War nella loro interezza, Minecraft, Sea of Thieves, i classici giochi di avventura LucasArts (rimasterizzati), The Outer Worlds, Tales of Vesperia: Definitive Edition, Golf with Friends, Alan Wake, Batman: Arkham Knight, Enter the Gungeon – e questi sono solo una manciata di titoli che posso raccomandare personalmente.

 

Con il livello Ultimate di Game Pass, puoi anche scaricare molti di questi giochi su PC, o trasmetterli in streaming su Android, e i tuoi dati di salvataggio saranno trasferiti su tutta la linea. Anche se c’è qualcosa da dire sull’acquisto di giochi à la carte e sul possederli completamente, Xbox Game Pass Ultimate è facilmente la cosa migliore.

 

 

Verdetto

 

Nella nostra recensione della Xbox Series S, abbiamo discusso di come questa console elegante e accessibile potrebbe essere il biglietto per i giovani, i giocatori occasionali o quelli con un budget limitato che vogliono gli ultimi e più grandi giochi, ma non sono pronti a fare un salto di 500 euro.

 

Dall’altra parte dello spettro, se hai intenzione di comprare una Xbox Series X (o hai già un potente PC da gioco), la Series S è una fantastica console di backup per una camera da letto o un ufficio, soprattutto perché la tua libreria e i tuoi file di salvataggio possono venire con te ovunque.

La Xbox Series S è troppo di nicchia per raccomandarla a tutti. Se hai una TV 4K di fascia alta, è probabilmente meglio la Xbox Series X – in particolare perché con specifiche inferiori, la Series S potrebbe essere meno attrezzata per gestire i titoli next-gen che diventeranno più esigenti nei prossimi anni.

 

La mancanza di un’unità disco limita la sua retro-compatibilità e il suo disco rigido si riempirà abbastanza velocemente. Comunque, se questi fattori non sono motivo di rottura, puoi comprare un sacco di giochi con i €200 che risparmierai.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: Recensione di Game of Life 2

 

Attiva Notifiche    OK No Grazie