Le 5 Migliori Piattaforme di Blog Gratuite

piattaforme di blog gratuite

 

Abbiamo fatto un’analisi approfondita e abbiamo esaminato le migliori piattaforme di blog gratuite che il Web ha da offrire. Scopri qual è quella giusta per te (e perché).

Allora, ti piacerebbe fare un giro di prova sui blog, eh?

 

Probabilmente hai sentito che puoi aprire un blog gratuitamente, e in effetti puoi. La grande domanda è:

 

Qual è la migliore piattaforma di blog in questo momento?

E la risposta è … dipende da cosa stai cercando di realizzare.

In questo post, esamineremo tutte le diverse piattaforme di blog gratuite e ti forniremo i pro e i contro di ciascuna, ma prima, fermiamoci a riflettere su una domanda più fondamentale:

Hai davvero bisogno di una piattaforma di blogging gratuita?

La verità:

Il blogging può essere costoso.

Se sei un blogger esperto che ha già sperimentato e che ha già capito quali idee funzionano e quali no, può venir facile calcolare i costi necessari per mantenere il business. Spendi soldi, guadagna soldi .

Ma cosa succede se sei un principiante che impara come avviare un blog per la prima volta? E se fossi qualcuno che non ha ancora capito cosa funziona e cosa no?

Ti svelerò un segreto …

 

Puoi sperimentare e fare esperienza su un sito di blog gratuito senza pensare a configurazioni  e ottimizzazione di blog WordPress.

 

In realtà, puoi sperimentare meglio su una piattaforma di blog gratuita poiché il sistema di apprendimento  è più ripido.

 

Le piattaforme di blog gratuite ti consentono di sperimentare se l’argomento del tuo blog a cui avevi pensato ha un potenziale, spiare i concorrenti nella tua nicchia e testare le tue idee senza spendere i tuoi sudati guadagni.

Quindi qual è il migliore?

Bene, questo è il punto:

 

Nessuna piattaforma blog è adatta per tutti

 

Blogger diversi hanno esigenze diverse e piattaforme di blog diverse vanno bene per cose diverse. In definitiva, il “migliore” dipenderà da te e dalla tua situazione.

Detto questo, ciascuna delle piattaforme di cui parleremo ha tratti comuni (oltre ad essere gratuite). Vediamoli brevemente prima di immergerci nell’argomento:

 

  • Non ci sono problemi di manutenzione. L’onere della manutenzione non ricade su di te quando utilizzi una piattaforma di blog gratuita. Nessun problema per gli aggiornamenti software, le modifiche CSS o HTML, i backup dei dati o i gremlin che hackerano il tuo server: sono tutti gestiti da qualcun altro.

 

  • Sono facili da usare. A vari livelli, ogni piattaforma è facile da usare per i principianti. Con una conoscenza tecnologica limitata, potresti iniziare oggi .

 

  • La personalizzazione è limitata. Se sei un micromanager a cui piace che le cose siano personalizzabili, fai un respiro profondo: non avrai il pieno controllo o opzioni illimitate quando utilizzi una piattaforma di blogging gratuita.

 

Quest’ultimo può essere sia una benedizione che una maledizione.

Una volta che prendi sul serio il blogging, le limitate opzioni di personalizzazione delle piattaforme gratuite probabilmente ti tratterranno. Quando sei appena agli inizi, però, i limiti ti aiuteranno a concentrarti su ciò che è importante: il già citato test delle tue idee.

 

 

Pronto a scoprire quale piattaforma è la migliore per te? Andiamo.

Nota del redattore: ci sono un sacco di opzioni là fuori (Wix.com, Tumblr, Weebly, Joomla, Blogspot, Typepad, Ghost e Squarespace sono altre piattaforme di blogging popolari), ma ci stiamo concentrando sulle nostre cinque preferite.

Medium: la migliore piattaforma per la semplicità

 

medium piattaforme di blog gratuite

Il primo è Medium.

Fondato da Evan Williams, uno dei fondatori di Twitter, Medium è stato lanciato nell’agosto 2012 con grande clamore ed è diventato un colosso. Secondo il New York Times, a maggio 2017, Medium contava fino a 60 milioni di visitatori unici ogni mese.

Come si inizia?

Medium offre diversi modi per registrarsi.

Non vuoi ricordare ancora un’altra password per un altro account? Nessun problema. Registrati utilizzando uno dei tuoi account di social media.

Vai su Medium.com/italia e fai clic sul pulsante “sign in“:

Scegli Google o Facebook. Ti verrà quindi chiesto di accedere al tuo account (Google o Facebook). Dopo aver autorizzato Medium ad accedere al tuo account, verrai reindirizzato nuovamente a Medium.

Questo è tutto.

Per accedere al tuo account Medium in futuro, tutto ciò che devi fare è clic su “Get Started” nella home page e scegliere l’opzione “Accedi con Google” o “Accedi con Facebook“.

 

Cosa ottieni per € 0?

Una semplice, bella piattaforma di blog WYSIWYG (ciò che vedi è ciò che ottieni) che abbraccia il minimalismo.

Dopo esserti iscritto, fai clic sul tuo avatar (la testa mobile) nell’angolo in alto a destra della pagina, quindi seleziona “Nuova storia“.

 

Atterrerai su un editor drag-and-drop pulito, facile da usare.

Dove inserire il titolo del tuo post è chiaramente l’articolo.

Ogni modifica apportata viene salvata automaticamente in background. Mentre digiti, inizi a vedere esattamente come apparirà il tuo post finito ai tuoi lettori.

Questa è la bellezza di un editor WYSIWYG.

Se il tuo post ha un bell’aspetto nell’editor, avrà un bell’aspetto anche quando verrà pubblicato cliccando sul pulsante “Pronto per la pubblicazione?” .

 

A proposito di ciò che accade dopo la pubblicazione, c’è qualcos’altro che Medium ti offre per il prezzo enorme di zero euro e zero centesimi:

La possibilità di essere notati dagli oltre 60 milioni di lettori.

 

Scrivi qualcosa che stupisca le persone e, se riceve abbastanza like dai lettori (fanno clic su un pulsante “applausi” per mostrare la loro approvazione), il post potrebbe essere presentato come una delle storie principali di Medium nell’ app e sul loro sito web .

Un tale riflettore significherebbe molti nuovi bulbi oculari sui tuoi contenuti.

Chi dovrebbe usare Questo Sito?

Chiunque. Tutti.

Seriamente, anche se non è perfetto, ti sarà difficile trovare un argomento di un blog o una nicchia che Medium non possa accettare.

Medium mette i tuoi contenuti e il tuo messaggio, in primo piano, al servizio dei tuoi lettori.

 

Come disse una volta Evan Williams: “Medium non riguarda chi sei o chi conosci, ma quello che hai da dire”.

 

Autori di successo , Imprenditori , Scrittori ,Ministri, tutti hanno cose da dire e tutti hanno trovato casa su Medium.

 

Chi NON dovrebbe usare Medium?

 

Microblogger (faresti meglio usare Instagram, ne riparleremo più avanti).

Coloro che non hanno intenzione di utilizzare il proprio blog per scrivere (fotografi, podcaster, ecc.).

 

Medium riguarda la parola scritta. Certo, la grafica incorporata nei post è utile, ma alla fine tutto ruota intorno alle parole.

Medium è l’ideale per chi ama le parole. Eccelle nella tipografia. Usa un’abbondanza di spazio bianco in modo che il suo testo abbia una tela perfetta. E abbraccia un design minimalista in modo che nulla distolga i tuoi lettori dalle tue preziose  parole .

Testo nero su sfondo bianco. Un carattere semplice e di facile lettura.

Medium non offre sfarzo, glamour o scintillii. A differenza di WordPress.com (che fornisce alcuni temi di design di base e opzioni di personalizzazione), Medium è una taglia unica.

Quello che vedi è quello che ottieni.

Se ti piace quello che vedi, bene, altrimenti non c’è molto che potrai combinare a riguardo.

Parola finale su Medium

 

Quali sono i pro?

  • Pubblico integrato di oltre 60 milioni di lettori!
  • Buono per tutti i tipi di blog
  • Ottima tipografia: il tuo blog avrà un aspetto professionale
  • Più business friendly di WordPress.com
  • La monetizzazione è possibile con il Medium Partner Program

 

Quali sono i contro?

  • Poca, se non nessuna, personalizzazione: il tuo blog sarà simile a tutti gli altri blog Medium.
  • Sebbene Medium offra statistiche, non sarai in grado di collegarti al tuo account Google e utilizzare Google Analytics.
Conclusione: se la parola scritta è il tuo mezzo preferito, farai molto bene con Medium. È una piattaforma facile da usare che mette le tue parole in primo piano e al centro di tutto. Consigliato per blogger principianti.

 

Ma è la scelta giusta per tutti?

Diamo un’occhiata alle altre opzioni …

WordPress.com: la migliore piattaforma sandbox

 

piattaforme di blog gratuite con wordpress

 

 

Lanciato nel 2005, WordPress.com è un sistema di gestione dei contenuti (CMS) chiavi in ​​mano basato sul software WordPress.org open source.

In un dato mese, oltre 409 milioni di persone visualizzeranno più di 21 miliardi di pagine sulla rete di blog di WordPress.com. Nel settembre 2018 sono stati pubblicati oltre 70 milioni di post e scritti oltre 52 milioni di commenti sul blog .

In breve, WordPress è super popolare.

Come si inizia?

La registrazione di un account gratuito richiede solo pochi minuti.

Vai su WordPress.com e fai clic sul pulsante “Inizia” per arrivare al Passaggio 1:

Dovrai inserire il tuo indirizzo email, un nome utente e una password complessa.

Quindi, inserisci alcuni dettagli sul tuo blog per il passaggio 2.

Nel passaggio 3, inserisci un indirizzo per il tuo sito.

Procedendo, otterrai un elenco di opzioni. Assicurati di selezionare quello “Gratuito“.

Infine, nel passaggio 4 scegli un piano. Di nuovo, scegli l’opzione “Gratis“.

Cosa ottieni per € 0?

Il piano “gratuito per la vita” di WordPress.com offre numerose funzionalità, tra cui:

  • Un sottodominio WordPress.com gratuito
  • Caratteristiche essenziali di “Jetpack”
  • Supporto comunitario
  • Decine di temi gratuiti

Diamo un’occhiata a queste caratteristiche in modo più dettagliato:

Sottodominio gratuito

Probabilmente sono necessarie un paio di definizioni …

Innanzitutto, cos’è un dominio? Vedi la barra degli indirizzi nella parte superiore del tuo browser? Ciò che viene dopo “https: //” è il dominio.

 

Allora cos’è un sottodominio? Se il dominio è il genitore, il sottodominio è il figlio. Qualsiasi elemento compreso tra “https: //” e il dominio è un sottodominio.

Qualche esempio:

  • alumni .harvard.edu
  • Braves .mlb.com
  • finanza .yahoo.com

Questo è ciò che offre WordPress con il suo sottodominio gratuito.

Quindi, se volessi nominare il mio blog “trame-di-film” su WordPress.com, i lettori digiteranno trame-di-film.wordpress.com nel loro browser per visualizzare il mio sito.

Non è una buona idea se sei un’azienda (ne parleremo più avanti), ma per un blog sandbox in cui stai testando le tue idee, non è male.

Caratteristiche essenziali di Jetpack

 

WordPress.com non consente plug-in di terze parti (a meno che non esegui l’aggiornamento al loro piano “business”). Quindi, se ti viene in mente di testare qualche plugin, dovrai necessariamente passare a un piano a pagamento.

Tuttavia, il piano gratuito di WordPress.com include molti plug-in integrati che offrono di tutto, dalla protezione dallo spam ai moduli di contatto.

Per un elenco completo delle funzionalità integrate offerte da WordPress.com, controlla la loro pagina dei plugin .

Supporto comunitario

Forse la migliore caratteristica di WordPress.com (oltre al prezzo) è il suo ampio sistema di supporto e knowledgebase.

Puoi trovare praticamente tutto ciò che devi sapere sull’utilizzo della loro piattaforma gratuita nella sezione Supporto di WordPress.com .

E se hai una domanda specifica per cui hai bisogno di una risposta?

Visita il forum di WordPress.com , cerca per vedere se qualcuno ha già scritto la tua  domanda e sfoglia le risposte. Non trovi la soluzione che cerchi? Pubblica tu stesso la domanda.

Temi gratuiti

Mentre Medium ti impedisce di personalizzare l’aspetto del tuo blog, WordPress.com ti offre delle opzioni.

Con “dozzine” (93 al momento della stesura di questo articolo) di temi gratuiti tra cui scegliere, WordPress.com offre una flessibilità di progettazione che non è disponibile con Medium e le altre piattaforme gratuite.

E, ultimo ma non meno importante, WordPress.com offre l’ editor di blocchi di WordPress , che consente agli utenti di creare post e pagine personalizzate.

 

Chi dovrebbe usare WordPress.com?

 

WordPress.com è una solida piattaforma per quasi tutti i tipi di blogger.

Vuoi essere un blogger di self-help? Buone notizie: WordPress.com soddisferà le tue esigenze.

Vuoi scrivere un blog su cibo, animali domestici o politica? Sei fortunato.

Vuoi solo scrivere della tua vita? Questa è la marmellata di WordPress.com.

WordPress.com va ben oltre il semplice blog. Puoi anche usarlo per progetti e negozi di e-commerce, che non è una cosa che le altre piattaforme gratuite possono rivendicare.

Ciò gli conferisce un vantaggio rispetto alle altre opzioni. Se vuoi scrivere un blog e fare qualcos’altro con il tuo sito; WordPress.com offre flessibilità che gli altri non hanno.

Tuttavia, non è adatto a tutti …

Chi NON dovrebbe usare WordPress.com?

 

Se vuoi creare un blog aziendale dovresti evitare WordPress.com (gratuito)e provare con Medium o LinkedIn (di cui parleremo tra poco).

 

Perché?

Perché ti fa sembrare un cheapskate.

Gratis è meraviglioso, ma usare WordPress.com quando sei un’azienda equivale a distribuire biglietti da visita con il logo della stampante sul retro.

La cosa non sembra dire “Sono un professionista”, vero?

 

Anche se:

Speri di entrare a far parte di una comunità di blogger in cui i tuoi post hanno la possibilità di essere scoperti da un nuovo pubblico, dovresti cercare altrove.

Medium punta i riflettori sul meglio che i loro membri hanno da offrire. Se scrivi qualcosa di eccezionale, ha la possibilità di essere presentato e visto da milioni di persone.

WordPress.com? Non così tanto.

 

Parola finale su WordPress.com

 

Quali sono i pro?

  • Adatto a una grande varietà di tipi di blog
  • ottimo supporto e forum
  • Più opzioni di design rispetto ad altre piattaforme gratuite
  • Curva di apprendimento più breve se scegli di passare a WordPress self-hosted in un secondo momento
  • piattaforma ideale anche per progetti più complessi del semplice blog
  • Sono disponibili piani premium per chi è interessato

 

Quali sono i contro?

  • Non è l’ideale per le imprese
  • Non puoi installare temi e plugin WordPress premium o gratuiti (o altri strumenti di blogging) di terze parti
  • La mancanza di una community rende difficile costruire un pubblico da zero
  • Accanto ai tuoi contenuti potrebbero apparire pubblicità e banner di WordPress
Conclusione: se sei un blogger non aziendale che desidera una piattaforma facile da usare che ti dia un certo controllo sulla personalizzazione, WordPress.com è un’opzione solida, specialmente se un giorno prevedi di passare a WordPress premium.

 

 

 

 

LinkedIn: la migliore piattaforma per i professionisti

 

Il prossimo è LinkedIn.

Utilizzato principalmente per il networking professionale, LinkedIn offre anche una piattaforma di pubblicazione. Ciò consente a qualsiasi dei suoi 560 milioni di utenti (a settembre 2018) di scrivere post che potrebbero (potenzialmente) essere letti da uno qualsiasi dei 260 milioni di membri attivi in ​​un dato mese.

( potenzialmente.)

Come si inizia?

Vai su LinkedIn.com e vedrai questa pagina iniziale:

linkedin piattaforme di blog gratuite

Clicca su “Iscriviti ora“.

Dovrai inserire la tua email e una password e cliccare su “accetta e iscriviti“.

Dopo non dovrai fare altro che seguire le semplici indicazioni che ti verranno fornite per completare la registrazione.

 

 

Cosa ottieni per € 0?

 

Una piattaforma di pubblicazione gratuita incentrata su professionisti e contatti aziendali.

Se sei già un membro di LinkedIn, pubblicare i tuoi contenuti sarà più facile di WordPress.com, Medium o qualsiasi altra piattaforma di blog.

Perché?

Perché è integrato direttamente nel tuo profilo LinkedIn. Basta fare clic sul pulsante “Scrivi un articolo” e iniziare a scrivere.

Chi dovrebbe usare LinkedIn?

 

Chiunque voglia raggiungere professionisti e aziende.

Dopotutto, è di questo che tratta LinkedIn, giusto? Coltivare le relazioni d’affari.

Bloggare su LinkedIn aiuta a coltivare relazioni.

Quando scrivi un articolo, LinkedIn notificherà i tuoi collegamenti esistenti. Se il tuo articolo è fantastico (e perché non dovrebbe esserlo?), Lo noteranno. Scrivi sempre più articoli fantastici e inizieranno a vederti come un’autorità.

Come con Medium, ottimi contenuti su LinkedIn hanno la possibilità di farsi notare da coloro che non sono nel tuo elenco di connessioni.

 

Se uno degli editori di LinkedIn vede il tuo articolo e decide di pubblicarlo su uno dei numerosi canali LinkedIn, il tuo lavoro avrà ancora più visibilità.

Suggerimento: vuoi aumentare le possibilità che un editor di LinkedIn veda il tuo articolo? Condividilo su Twitter e includi “tip @LinkedInEditors” nel tuo tweet.

Chi NON dovrebbe usare LinkedIn?

Questo è abbastanza semplice …

Se non sei un professionista che lavora o non stai cercando di raggiungere professionisti che lavorano , farai meglio a scegliere una delle altre piattaforme gratuite.

 

Parola finale su LinkedIn

 

Quali sono i pro?

  • Buono per professionisti e aziende
  • Design pulito e semplice
  • Facilità di utilizzo: la piattaforma di pubblicazione è integrata direttamente nel tuo profilo LinkedIn

 

Quali sono i contro?

  • Buono solo per professionisti e aziende
  • Pochissime opzioni di personalizzazione
  • Non puoi pianificare i post per la pubblicazione futura
Conclusione: se stai cercando di scrivere post che raggiungano professionisti e aziende, LinkedIn è la migliore piattaforma di blog gratuita disponibile.

Instagram: la migliore piattaforma per le immagini

Instagram, una piattaforma di condivisione di foto e video di proprietà di Facebook, è uno dei più grandi siti di social media al mondo.

A giugno 2018, Instagram conta 1 miliardo di utenti in tutto il mondo. Il settembre precedente avevano 800 milioni di utenti, una crescita di 200 milioni in soli nove mesi.

Come si inizia?

Da un personal computer, vai su Instagram.com e vedrai quanto segue:

 

instagram per blog

Inserisci il tuo numero di telefono o indirizzo e-mail, il tuo nome, il nome utente desiderato e una password complessa. Quindi fare clic sul pulsante “Avanti“.

Oppure, salta tutto e fai clic sul pulsante “Accedi con Facebook” (supponendo che tu abbia un account Facebook). Se non hai già effettuato l’accesso, ti verrà chiesto di accedere al tuo account Facebook.

Puoi anche fare quanto scritto sopra usando l’app Instagram sul tuo dispositivo mobile.

Cosa ottieni per € 0?

 

Ottieni una piattaforma di social media estremamente popolare che è perfetta per il microblogging.

 

Cos’è il microblogging, chiedi? Ecco come funziona:

Trovi una bella immagine. Forse è una foto che hai scattato con il tuo smartphone, o forse è un’immagine Creative Commons che si adatta perfettamente al tuo stato d’animo.

Carica l’immagine su Instagram e scrivi un breve post sulla didascalia.

 

Questo è un microblogging e può essere fatto molto, molto bene usando Instagram.

Chi dovrebbe usare Instagram?

 

Chiunque si concentri su argomenti altamente visivi: Fotografi,Istruttori di yoga,Chef professionisti ,Truccatori, parrucchieri, negozi di abbigliamento …

La lista potrebbe continuare all’infinito.

Se sei una persona che può combinare immagini fantastiche con post brevi che racchiudono il messaggio, puoi avere un grande successo usando Instagram come piattaforma di microblogging.

Chi NON dovrebbe usare Instagram?

 

Se tendi a scrivere romanzi quando crei post, il limite di 2.200 caratteri di Instagram durante la scrittura di didascalie potrebbe rivelarsi problematico.

Inoltre, se il tuo pubblico di destinazione tende a evitare dispositivi mobili per un qualsiasi motivo, Instagram potrebbe non essere la piattaforma migliore per testare le tue idee. Instagram è nata come app mobile.

 

Parola finale su Instagram

 

Quali sono i pro?

  • Ottimo per argomenti visivi
  • Piattaforma ideale per microblogging (post brevi)
  • Ottimo se il tuo pubblico di destinazione utilizza principalmente dispositivi mobili

 

Quali sono i contro?

  • Limitato a 2.200 caratteri
  • Limitato a un collegamento ipertestuale (nella tua biografia)
  • Se il tuo pubblico di destinazione non è su dispositivi mobili, non è l’ideale
Conclusione: Instagram offre un’ottima piattaforma di microblogging orientata ad argomenti visivi.

Guest Blogging: la migliore piattaforma per costruire la tua autorità

 

A volte, la migliore piattaforma per il tuo lavoro è il blog di qualcun altro.

Perché? Perché può significare credibilità immediata.

Una volta che il tuo post viene pubblicato su un sito come Smart Blogger, Forbes, Lifehacker o Business Insider; le persone ti guardano in modo diverso.

 

Ieri eri solo tu, uno scrittore attraente e talentuoso che vive nell’oscurità. Ma poi, dopo aver pubblicato il tuo lavoro su un noto sito web,ti trasformi in  un esperto nel tuo campo.

 

Come si inizia?

 

Esistono due approcci per trovare siti in cui puoi contribuire con i post degli ospiti.

 

Il primo è facile …

Controlla se i blog che ami leggere (e che sono rilevanti per la tua nicchia, ovviamente) accettano invii di guest post.

Sfoglia le loro pagine “Informazioni” ho usa la loro pagina “Contatti“. per saperne di più.

Il secondo approccio prevede l’utilizzo della capacità di ricerca di Google e Twitter.

 

Ecco come funziona:

Fai una ricerca su Google utilizzando le parole più pertinenti per la tua nicchia aggiungendo nel finale la parola”blog“.

Ora clicca sui risultati che sembrano promettenti, esplora i siti e scegli quelli più adatti. Non tutti i siti varranno il tuo tempo. Salta quelli che non lo sono.

Quindi prova altre query simili:

  • “Blogging” + “guest post”
  • “Blogging” + “contribuisci”
  • “Suggerimenti per il blog” + “scrivi per noi”

E così via.

Sostituisci “blogging” e “suggerimenti per il blogging” con qualsiasi argomento di cui vorresti scrivere.

 

Cosa ottieni per $ 0?

 

Hai la possibilità di mettere le tue parole di fronte a un pubblico pertinente già esistente.

Ogni volta che metti le tue parole di fronte a un pubblico appena mirato; hai la possibilità di guadagnare fan per la vita.

Chi dovrebbe sfruttare il Guest Blog?

 

Chiunque voglia costruire la propria credibilità e aumentare la propria autorità.

 

Chi NON dovrebbe usare il Guest Blog?

 

Chiunque voglia creare il proprio blog.

La ragione? Non è molto efficiente.

Preparati…

Faresti meglio a pubblicare il tuo capolavoro sul tuo sito web, anche se non è ancora popolare, piuttosto che su quello di qualcun altro, anche se il loro sito web è molto popolare.

Per favore non fraintendete: il guest blogging è un ottimo modo per guadagnare credibilità; tuttavia, non è un ottimo modo per ottenere traffico sul tuo blog. Non più.

 

Il guest blogging potrebbe essere stato una buona fonte di traffico in passato, ma quei giorni sono ormai lontani.

Nel suo articolo illuminante sull’argomento, Tim Soulo ha stabilito che il guest blogging rappresentava uno scarso ritorno sull’investimento se il tuo obiettivo era generare traffico verso il tuo sito web.

Secondo il sondaggio di Tim su oltre 500 blogger:

  • I post degli ospiti di coloro nella nicchia del marketing hanno guadagnato ai loro autori una media di soli 56 clic sul sito web
  • L’85% degli autori ha ricevuto meno di 100 rinvii ai propri siti

Ciò non significa che non dovresti mai ospitare un blog. Significa solo che devi essere chiaro sulle ragioni per farlo.

 

Il Guest blog è utile per la credibilità, per aumentare la tua autorità e per costruire il tuo marchio.

 

Oh, e c’è un altro gruppo che non dovrebbe usare il guest blog:

Coloro che vogliono prendere scorciatoie.

C’è sia un bene che un male quando metti le tue parole di fronte a un vasto pubblico. Se il tuo post insegna loro qualcosa di nuovo, li ispira o dà loro qualcosa di succoso da masticare; ti ricorderanno per questo.

 

E se fa schifo? Sì, ti ricorderanno anche per quello.

 

Il guest blogging è un ottimo modo per costruire la tua autorità, ma è anche un ottimo modo per distruggerla.

Se non sei disposto a dedicare tempo e fare il lavoro, il guest blogging non fa per te.

Parola finale sul guest blogging

 

Quali sono i pro?

  • Scrivi per un pubblico interessato e mirato
  • Il modo più veloce per costruire la tua autorità e reputazione

 

Quali sono i contro?

  • Il modo più veloce per distruggere la tua autorità e reputazione
  • Non è un metodo efficiente per ottenere traffico sul tuo sito web
  • Farsi pubblicare su siti di qualità è un lavoro duro
  • Richiede tempo: potrebbe essere difficile adattarsi a programmi fitti
Conclusione: il guest blogging è un ottimo modo per costruire la tua autorità e presentare i tuoi contenuti a nuovi lettori. È un lavoro duro, ma ne vale la pena. Tuttavia, è improbabile che generi traffico tangibile sul tuo blog.

Passaggio a WordPress in hosting autonomo

Tecnicamente, c’è un’altra opzione gratuita là fuori …

Anche il software WordPress.org, lo stesso software utilizzato da WordPress.com, è gratuito. È gratuito per tutti.

Tuttavia, proprio come non esiste un cucciolo gratuito (una volta che si tiene conto del cibo, delle spese del veterinario e della sostituzione di tutte le scarpe dopo che sono diventate giocattoli da masticare), il software di WordPress.org non è effettivamente gratuito una volta che si sommano le altre spese.

Vedi, per utilizzare il software, hai bisogno di un provider di hosting di blog (noto anche come servizio di web hosting come SiteGround, WP Engine o Bluehost). Devi registrare un nome di dominio (alcuni provider di hosting ti danno un dominio gratuito, ma ti consigliamo di tenere separati il ​​tuo registrar di dominio e l’host web). Devi installare WordPress sul tuo host web . Ciò costa denaro. Avrai anche bisogno del tuo nome di dominio. Anche questo costa denaro.

È qualcosa che vorresti fare alla fine?  Penso proprio di si. Allora leggi questo articolo che spiega come avviare un blog professionale

 

Qual è la migliore piattaforma di blog per te?

 

Questa è la domanda da un milione di dollari, non è vero?

Ora sai perché testare le tue idee su una piattaforma di blog gratuita quando hai appena iniziato è una buona idea. Ora conosci i pro e i contro di Medium, WordPress.com, LinkedIn, Instagram e il guest blogging. Ora sai come iniziare con ciascuno di essi.

 

Il prossimo capolavoro di blogging non si scriverà da solo.

Sei pronto?

Allora non perdere tempo e inizia oggi!