I Più Grandi Errori in YouTube dei Marketer (e come superarli)

I Più Grandi Errori in YouTube dei Marketer

 

La crescita del tuo canale YouTube si è bloccata? Stai cercando consigli per capire dove stai sbagliando?

In questo articolo scoprirai gli errori più comuni che commettono i marketer e cosa fare. Scoprirai anche alcune metriche trascurate che possono aiutarti a crescere più velocemente.

 

Ti può interessare anche: Strategia dei Contenuti Video: Da YouTube ai Brevi Formati Social

 

 

YouTube: Il segreto meglio custodito dei social media

A differenza di altri social network, YouTube fa raramente notizia. Spesso viene trascurato da marketer, imprenditori e creativi.

Ma nonostante il sito di condivisione video mantenga un profilo relativamente basso, ha molto da offrire. Lo sapevi che…

  • YouTube è il secondo motore di ricerca più grande al mondo. Ed è di proprietà del più grande motore di ricerca al mondo: Google.
  • Offre una combinazione unica di file hosting, analisi dettagliate e strumenti di monetizzazione… gratuitamente.
  • Nel 2021, gli inserzionisti hanno speso di più su YouTube che su qualsiasi altro social network. La richiesta è tale che gli annunci pubblicitari sono ora inclusi in tutti i video, anche quelli di canali troppo piccoli per essere monetizzati dai creatori.

L’errore più comune che commettono gli addetti al marketing su YouTube è quello di sottovalutare le dimensioni dell’opportunità. Ma vediamo anche persone che si perdono quando non si concentrano sui contenuti organici, sono ossessionati dalle metriche sbagliate o hanno una visione a breve termine della piattaforma.

In questa guida scoprirai come evitare questi errori e trasformare il tuo canale YouTube in un centro di crescita.

 

 

Le tre W della creazione di contenuti su YouTube
Sia che tu stia creando un nuovo canale o che tu faccia vlogging da anni, ogni contenuto organico che crei deve rispondere alle tre “W”.

  1. What is the content about?   – Di cosa parla il contenuto?
  2. Who is the audience?   – Chi è il pubblico?
  3. Why should they watch your content?   – Perché dovrebbero guardare i tuoi contenuti?

Questi sono gli unici punti di cui devi preoccuparti. Se produci contenuti coinvolgenti e pertinenti per il tuo pubblico, YouTube farà il lavoro pesante per te in termini di aumento della portata.

Inoltre, vedremo quali sono le metriche da monitorare per verificare se i tuoi contenuti rispondono adeguatamente alle tre “W”.

 

 

Come funziona l’algoritmo di YouTube?

Come la maggior parte dei social network nel 2022, YouTube è costruito con l’apprendimento automatico. Alla base del sito c’è un complesso sistema di calcolo che analizza i contenuti, osserva come le persone li utilizzano e sceglie quali contenuti proporre ai diversi utenti.

L’algoritmo di YouTube è specificamente progettato per convincere le persone a guardare e a continuare a farlo. In altre parole, è ottimizzato per i video più interessanti e coinvolgenti.

Quindi, se riesci a creare contenuti che piacciano agli utenti, otterrai un sacco di visibilità organica e gratuita.

 

 

Annunci a pagamento contro contenuti organici

Puoi sempre pagare per promuovere i contenuti su YouTube; tuttavia, devi pensare ai tuoi obiettivi.

Se vuoi raggiungere un pubblico immediato e a breve termine, allora pagare per promuovere un video potrebbe aiutarti.
Se invece vuoi raggiungere un pubblico sempre più vasto e a lungo termine, allora devi concentrarti sulla strategia organica.

Ecco perché:

YouTube utilizza le informazioni relative al numero di persone che guardano il tuo video e alla durata della loro visione per decidere se è interessante. Se il contenuto è interessante e molte persone lo guardano, viene raccomandato ad altre persone. Si tratta di un circolo virtuoso di feedback.

Ma quando paghi per promuovere un video, il coinvolgimento a pagamento viene conteggiato separatamente. Sì, potresti ottenere 100.000 visualizzazioni da un post promosso. Ma nessuna di queste visualizzazioni verrà inserita nell’algoritmo. YouTube non ha ancora informazioni sul gradimento organico del contenuto, quindi non consiglierà il tuo video ad altri spettatori. Le visualizzazioni a pagamento sono una soluzione a breve termine.

 

 

 

Perché i contenuti durano di più su YouTube

La strategia organica su YouTube si basa sul lungo termine. Questo è dovuto in parte al fatto che i contenuti hanno una durata molto più lunga sul sito di condivisione video.

Pensa ai tuoi post su Instagram, TikTok o Facebook. Quanto tempo passa prima che il coinvolgimento si esaurisca su un singolo post? Un paio di giorni? O addirittura ore?

Su YouTube, un videoclip può rimanere popolare letteralmente per anni. Il guadagno è molto più consistente.

 

E c’è anche un altro vantaggio. Se i tuoi contenuti attirano l’attenzione delle persone, YouTube non si limita a consigliare quel video specifico a un maggior numero di spettatori. Mostra anche altri video del tuo canale.

Se hai un catalogo di video da condividere, l’algoritmo di YouTube ha più materiale su cui lavorare. È importante mantenere i contenuti su YouTube in modo che le persone possano scoprirli ed esplorarli.

 

 

Leggi anche: Perché i Tuoi Video su YouTube Stanno Fallendo

 

 

Come creare contenuti interessanti su YouTube

Sia ben chiaro: un contenuto video accattivante non è la stessa cosa di una pubblicità video fatta per la TV. Ricorda che YouTube è un social network. Ciò significa che le persone sono interessate a contenuti che parlano loro e con i quali possono interagire.

Quando il content marketing su YouTube fallisce, spesso è perché gli addetti al marketing non hanno pensato abbastanza alle persone che guardano i loro video.

 

Le persone si rivolgono a YouTube per l’istruzione, l’intrattenimento e la connessione sociale. Vogliono avere una conversazione. Vogliono risolvere un problema.

Quindi i tuoi video devono rispondere a queste esigenze, invece di elencare i tuoi obiettivi commerciali e i punti di forza del tuo marchio. Concentrati sulle conversazioni, sulle interviste e sui video di approfondimento, piuttosto che sulle presentazioni di prodotti o sulla vendita di prodotti.

 

Se hai difficoltà a pensare agli argomenti, YouTube offre anche uno strumento di ricerca e suggerimento di argomenti all’interno del suo pannello di analisi.

 

Un altro modo per creare contenuti organici su YouTube è quello di collaborare con influencer e creatori. Puoi approfittare della loro portata e popolarità per raggiungere un maggior numero di persone e attenuare il tuo messaggio di vendita.

Come abbiamo detto in precedenza, alcuni marketer hanno difficoltà a creare contenuti di marca che non siano solo dal punto di vista del loro marchio. Quando collabori con un influencer o con un creatore, aggiri questo problema. Condivideranno i loro punti di vista e le loro prospettive, che per di più parlano del tuo marchio, in un modo in cui gli spettatori possono immedesimarsi.

 

 

Come usare le analisi di YouTube

YouTube offre i migliori dati analitici di qualsiasi altra piattaforma sociale.

È proprio quello che ti aspetteresti dall’azienda che ti ha portato Google Analytics, con la sua visualizzazione quasi sovrabbondante di dati. YouTube offre metriche a grana altrettanto fine. Puoi controllare e filtrare i dati fino a un livello incredibilmente specifico.

 

Questo ci lascia con un solo problema: quando ci sono così tanti dati da esaminare, da dove si comincia?

 

Quali sono le metriche chiave per i marketer?

Quando accedi alle analisi di YouTube, vedrai molte opzioni. Fortunatamente ce ne sono solo alcune su cui ci concentreremo per ora.

  • Click-through rate (CTR). Quante persone cliccano per vedere il tuo video dalla miniatura?
  • Percentuale media di visualizzazione (AVP). Quanta parte di ogni video viene guardata? Rimbalzano dopo 10 secondi o rimangono fino alla fine?
  • Durata media della visualizzazione (AVD). Questo dato è leggermente diverso dalla percentuale di visualizzazione. Se pubblichi contenuti più lunghi, ad esempio, potresti avere un AVD alto ma un AVP più basso.
  • Spettatori unici. Scopri quante persone singole guardano i tuoi video.
  • Visualizzazioni medie per spettatore. Scopri se le persone rivedono i tuoi video. Questo è un indicatore molto forte di un buon contenuto.

 

Se i tuoi contenuti ottengono costantemente alte percentuali di clic, percentuali di visualizzazioni, durata delle visualizzazioni, spettatori unici e visualizzazioni per spettatore, l’algoritmo di YouTube riceve un forte segnale che il contenuto piace alle persone. Più persone lo vedranno comparire nelle loro raccomandazioni e il tuo canale crescerà rapidamente.

Ricorda che l’algoritmo utilizza tutti questi dati per giungere a una conclusione, quindi è normale che non tutti i video ottengano un punteggio elevato in tutte le metriche.

Ad esempio, un tutorial specialistico potrebbe avere un basso numero di spettatori unici ma un numero molto alto di visualizzazioni per spettatore. Questa è comunque una buona notizia per l’algoritmo.

 

Ci sono anche altre metriche che indicano la soddisfazione degli spettatori. Se qualcuno si iscrive al tuo canale, guarda le tue playlist o condivide i tuoi video online, è probabile che i tuoi contenuti gli piacciano.

Ma se vuoi concentrarti solo su un aspetto delle tue analisi, concentrati sulle impressioni. È l’indicatore più forte del fatto che il tuo canale raggiunga un maggior numero di spettatori.

Niente è mai semplice con le analisi di YouTube. Quando si parla di “impressioni”, si intende una serie di parametri diversi. E le impressioni possono provenire da una vasta gamma di fonti.

Quindi, cosa conta YouTube come impressioni?

  • Le visualizzazioni dirette del tuo video (ad esempio cliccando su un link al video).
  • Visualizzazioni della miniatura del tuo video nei risultati di ricerca.
  • Le visualizzazioni della miniatura del tuo video nelle raccomandazioni mirate mentre gli utenti navigano nell’app.
  • Visualizzazioni della miniatura del tuo video nelle raccomandazioni alla fine di un altro video.
  • Visualizzazioni della miniatura del tuo video nella barra laterale dei video suggeriti.

 

Oltre il 70% delle visualizzazioni giornaliere su YouTube proviene dalla navigazione, dalle raccomandazioni a fine video e dalla barra laterale dei suggerimenti. Ecco perché lavorare con l’algoritmo è così importante: è responsabile della stragrande maggioranza delle visualizzazioni dei video.

 

 

La metrica mancante: il “Momento”

 

Per quanto le analisi di YouTube siano complete… manca una cosa.

Come si fa a prevedere se un video avrà successo?

Come abbiamo visto, i contenuti possono rimanere a lungo su YouTube. Tuttavia, se un video è destinato a diventare virale, il miglior predittore è una forte percentuale di clic nei primi 30 minuti o 2 ore dopo la pubblicazione del video.

Se un video ottiene un grande coinvolgimento in quella finestra cruciale di 2 ore, è probabile che abbia un’ottima performance. Sfortunatamente, YouTube non misura questo tipo di coinvolgimento. L’intervallo di tempo più piccolo disponibile nelle analisi di YouTube è di 1 giorno, non di ore.

Vale comunque la pena di controllare manualmente il momentum. Se vedi che un video non sta ottenendo successo, allora è il momento di rivedere il titolo e la miniatura. Individua il modo per attirare un maggior numero di spettatori e quel video potrebbe ancora avere successo.

 

 

Non confrontare le tue metriche con quelle di altri canali

Ci sono molte persone di grande successo su YouTube. Hanno migliaia o addirittura milioni di spettatori. I loro contenuti ottengono in modo affidabile clic, condivisioni e commenti.

Cosa significa questo per te?

Beh… niente.

Se vuoi far crescere il tuo canale, allora sei in competizione con te stesso. Non preoccuparti di come appaiono le metriche degli altri.

Concentrati sull’aumento delle impressioni, del tasso di clic e della durata delle visualizzazioni per ogni nuovo video che pubblichi. La crescita seguirà.

 

 

Cosa fare quando i tuoi video non ottengono trazione

Forse pensi di aver provato di tutto ma il tuo canale non cresce.

È il momento di pensare alle tre T.

Topic – Argomento. Ogni video ha un argomento chiaro? È un argomento che interessa davvero alle persone?
Thumbnail – Miniatura. La miniatura è chiara, colorata e attira l’attenzione? Se è troppo insipida o troppo affollata, gli spettatori potrebbero distogliere l’attenzione.
Title – Titolo. Il titolo di ogni video deve creare entusiasmo e far capire agli spettatori cosa stanno guardando. I titoli vaghi o banali non avranno un buon rendimento.

 

Non dimenticare mai: sei in competizione con molti altri canali per ottenere l’interesse degli spettatori.

Sì, abbiamo detto che non dovresti preoccuparti delle metriche degli altri. Ma dovresti preoccuparti dei loro contenuti.

Assicurati di sapere esattamente per chi stai condividendo i contenuti, in base alle tre “W”. E poi controlla che i contenuti siano facili da scoprire grazie alle tre T.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: 8 Idee Semplici per Far Crescere il Tuo Canale YouTube Rapidamente

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Attiva Notifiche OK No Grazie