Cosa Sono i Link Interrotti, Come Influenzano Il Sito e Come Risolverli

Cosa Sono i Link Interrotti

 

Immagina questo: ti sei appena trasferito in una nuova casa e stai cercando un nuovo set di poltrone. Le tue migliori opzioni sono tre attività commerciali locali, quindi vai nei loro negozi online per sfogliare il loro catalogo ed eventualmente effettuare un acquisto.

Tuttavia, quando visiti uno dei tuoi negozi preferiti, fai clic sul collegamento alla categoria “Poltrona” nel loro menu e ti porta a una pagina di errore. Non troverai una selezione curata di bellissime poltrone, ma solo una pagina 404. Cosa è successo? Hai appena fatto clic su un link interrotto . 

 

Un collegamento guasto o interrotto è un collegamento che non punta a nessun luogo. Quando i link interrotti sono interni (ovvero puntano da qualche parte all’interno del tuo sito web), di solito è dovuto a due cause:

  1. Il sito web è stato rinominato o spostato, la sua struttura è cambiata e i collegamenti interni non sono stati modificati di conseguenza.
  2. Il contenuto collegato è stato spostato o eliminato.

 

A volte, i link interrotti sono esterni. Ciò significa che il collegamento che non porta da nessuna parte ci porta “fuori” dal nostro sito web iniziale. Questo di solito è il risultato del collegamento a terze parti che hanno spostato o eliminato il loro contenuto.

Un’altra possibile causa di link interrotti sia interni che esterni può essere semplicemente un errore di battitura. Questi sono resi più probabili dal non ottimizzare gli slug delle pagine, yourwebsite.com/products/armchair sarà molto più facile da digitare correttamente (e da ricordare) rispetto a yourwebsite.com/products/[una successione di numeri e lettere casuali].

In questo articolo, scopriremo quanto siano pericolosi i link interrotti del nostro sito Web, sia dal punto di vista dell’utente che di un motore di ricerca. Capiremo le migliori pratiche per evitare che si verifichino collegamenti interrotti e, naturalmente, impareremo come riparare i collegamenti interrotti se li incontriamo.

 

In che modo i collegamenti interrotti danneggiano l’esperienza del cliente

 

Come mostra il nostro scenario ipotetico, i link morti si traducono in una terribile esperienza per il cliente. Quando qualcuno accede al tuo sito web, entra in una “canalizzazione di conversione”.

Dovrebbero entrare come visitatori e uscire come clienti. I collegamenti interrotti possono essere ostacoli in questo viaggio. In effetti, possono essere la fine della strada. Il nostro panorama online altamente competitivo ha reso gli utenti meno tolleranti . Ad esempio, un rapporto Acquia del 2019 ha mostrato che il 76% dei clienti non acquisterebbe da un marchio che ha dato loro un’unica brutta esperienza.

 

Certo, nel nostro esempio, abbiamo immaginato un link interrotto che appare in un punto chiave che ci impedisce di effettuare un acquisto. Ma un collegamento interrotto non è mai vantaggioso.

Diciamo che il più grande vantaggio competitivo della nostra azienda è la nostra esperienza e vogliamo collegarci a una risorsa che aiuterà i nostri clienti a risolvere un problema dimostrando al contempo che sappiamo di cosa stiamo parlando.

Se invece della grande risorsa che abbiamo promesso, l’utente trova un 404, si sentirà deluso, non coinvolto o disposto a fidarsi della nostra attività. I link morti possono far sembrare il nostro sito web confuso e inaffidabile, proiettando un’immagine scadente del nostro marchio.

————————————–

 

In che modo i link interrotti influiscono sulla SEO

 

A parte l’esperienza del cliente, i link interrotti influiscono negativamente sulla SEO. I motori di ricerca mirano a offrire agli utenti le pagine più pertinenti e affidabili inserendole sempre nelle prime posizioni nelle ricerche .

Quindi, un sito Web pieno di collegamenti che non portano da nessuna parte e che rende il sito incompleto e poco utile, non funzionerà altrettanto bene come un sito di pari livello con tutti i link funzionanti. Alla fine della giornata, i criteri di posizionamento degli algoritmi dei motori di ricerca possono essere semplificati in due parole: Esperienza utente. Le buone pratiche SEO tendono a tradursi in una buona esperienza utente e viceversa.

D’altra parte, se un backlink (un collegamento al tuo sito web su un sito di terze parti) viene interrotto, non ha alcun effetto sull’autorità del tuo sito. I link interrotti neutralizzano i tuoi sforzi di link building. Gli esperti SEO di solito lo chiamano “spargimento di link juice”.

Ora che sappiamo il danno che i collegamenti interrotti possono causare sul nostro sito Web, la domanda successiva, naturalmente, è: come riparare i link interrotti?

Come rilevare un link interrotto

link interrotti pagina 404

 

Prima di scoprire come riparare i link interrotti, dobbiamo prima rilevarli. Esistono molti modi per rilevare un link interrotto. Ma diamo un’occhiata a tre metodi molto comuni. Puoi farlo con Google Search Console, con un plug-in di WordPress o uno strumento online.

 

Rilevare i link interrotti con la Google Search Console è abbastanza semplice. Dobbiamo andare alla scheda Indice> Copertura, fare clic per visualizzare i nostri collegamenti esclusi e scoprire quali pagine vengono escluse a causa dei 404. Ci sono due aspetti negativi di questo metodo: copre solo i collegamenti interni e tutte le correzioni dovranno essere apportate manualmente, al di fuori di Search Console.

 

Gli utenti di WordPress possono contare su un plugin come Broken Link Checker per rilevare e correggere i loro link interrotti. Quando si considera un plug-in da installare, ricordarsi sempre di controllare le recensioni del plug-in, il suo numero di installazioni attive e se è stato testato sull’ultima versione di WordPress.

Una volta installato e attivato, Broken Link Checker analizza tutti i tuoi contenuti, alla ricerca di link. Questo processo può richiedere da pochi minuti a poche ore, a seconda delle dimensioni del tuo sito web. È possibile modificare le impostazioni di questo plugin nella sezione “Link Checker” della scheda Impostazioni. Una volta completata l’analisi, i link interrotti appariranno sul pannello di amministrazione di WP, nella sezione “link interrotti” della scheda Strumenti.

 

Il plugin ti consente di modificare l’URL, sostituendo quel link ovunque appaia. Puoi anche “scollegare”, rimuovendo il collegamento ma mantenendo il testo di ancoraggio. Nel caso in cui il plug-in dia un falso positivo, è possibile ignorare il collegamento o contrassegnarlo come “non interrotto”.

 

Il più grande vantaggio dell’utilizzo di questo tipo di plugin è che rilevi e correggi i link all’interno del tuo pannello di amministrazione di WP. Se hai lavorato con WordPress, sai quanto è facile da usare il pannello, quindi risparmi un sacco di tempo e fatica. Un grande svantaggio che dobbiamo tenere a mente è che avere molti plugin attivi può davvero rallentare il tuo sito Web WordPress. Questo tipo di plug-in richiede molte risorse e non è necessario attivarlo per la maggior parte del tempo, quindi disattivalo una volta utilizzato.

 

Uno strumento online , come Dead Link Checker può essere una buona opzione per trovare i link interrotti sul tuo sito web. In questo caso, il processo è semplice,basta accedere al sito Web , digitare l’URL principale del tuo sito e premere sul pulsante “Check“.

Quindi, lo strumento eseguirà la scansione del tuo sito Web, alla ricerca di link interrotti. Una volta che lo strumento ha svolto il suo lavoro, produrrà un elenco dei collegamenti problematici e delle relative posizioni. Il vantaggio dell’utilizzo di un tale strumento online è quanto sia facile. Non è necessario installare nulla o collegare il tuo sito Web a nessun servizio.

Lo svantaggio è che devi accedere manualmente al pannello di amministrazione del tuo sito web e correggere i collegamenti uno per uno, nelle posizioni corrispondenti. Rende il processo un po più complicato rispetto all’utilizzo di un plugin. Questo può essere irrilevante se abbiamo tre o quattro collegamenti interrotti da riparare, ma quando devi riparare una dozzina di collegamenti interrotti, inizia a sembrare una perdita di tempo.

————————————-

 

Come correggere i link interrotti

 

Sistemare i link interrotti è molto semplice. L’opzione migliore dipenderà dal tipo e dallo scopo del collegamento. Ad esempio, se si punta a una risorsa esterna che integra il nostro contenuto, possiamo eliminare il collegamento, lasciando l’anchor text. Oppure potremmo anche utilizzare lo stesso testo di ancoraggio per indirizzare i nostri utenti a un sito Web diverso.

Se i collegamenti morti sono interni, dovremmo impostare i reindirizzamenti 301. Un reindirizzamento 301 significa che la pagina in questione è stata spostata definitivamente. Se utilizziamo WordPress, possiamo facilmente impostare reindirizzamenti 301 con un plug-in come Reindirizzamento.

In caso di 404

Alla fine, un giorno, un utente atterrerà su un 404. Potrebbe essere dovuto a un collegamento morto effettivo o semplicemente a un errore di battitura da parte sua. Ma vale la pena discutere dell’utilità delle pagine 404 e di come sfruttarle al meglio.

Un 404 è un codice di risposta standard HTTP che indica che il server non è riuscito a trovare la risorsa richiesta. Fondamentalmente, non c’è nessun problema tecnico oltre al fatto che il server non è in grado di trovare ciò che hai richiesto.

Alcuni esperti di SEO suggerivano che, invece di 404, dovremmo usare reindirizzamenti 302. I reindirizzamenti 302 comunicano a Google che l’URL in questione è temporaneamente non disponibile e reindirizza automaticamente i nostri utenti a un’altra pagina. Ad esempio, possiamo reindirizzare gli utenti alla nostra home page.

 

I 302 non sono l’ideale. Non sono ideali per il SEO; Agli occhi di Google, i 302 non hanno la stessa influenza del contenuto originale. E non sono nemmeno ideali per gli utenti. Immagina di voler visitare una determinata pagina all’interno di un sito Web e di atterrare sulla home page, non sarebbe fonte di confusione? È meglio essere trasparenti, facendo sapere all’utente che il contenuto non è disponibile (o non esiste) e dando loro le opzioni per continuare a navigare nel tuo sito web.

Ad esempio, potresti suggerirgli di controllare i tuoi ultimi post sul tuo blog, dare un’occhiata ai tuoi prodotti più recenti o semplicemente tornare alla home page.

————————————–

 

 

Best practice per evitare link interrotti

 

Una delle cause più comuni dei link interrotti è assolutamente prevenibile. Aggiorna il vecchio contenuto invece di eliminarlo. Se non hai il tempo di aggiornarlo, prendi in considerazione l’aggiunta di una dichiarazione di non responsabilità che informi l’utente che il contenuto è obsoleto e offri loro un’alternativa più pertinente e recente.

Se di recente hai riorganizzato o spostato il tuo sito web, assicurati di verificare la presenza di link interrotti e di impostare reindirizzamenti 301 dove necessario.

I backlink interrotti possono essere la conseguenza di URL molto lunghi e generati casualmente. Ottimizza i tuoi URL per chiarezza e leggibilità. Ciò riduce la possibilità di URL con errori di ortografia e quindi di collegamenti interrotti.

Anche se stiamo prendendo tutte le precauzioni necessarie, controllare regolarmente i link interrotti è sempre una mossa intelligente, poiché potremmo collegarci a terze parti che non hanno le stesse buone pratiche che abbiamo noi.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: Cosa da Sapere Prima di Acquistare un Hosting Web