Nginx vs Apache: Confronto Testa a Testa e Come Scegliere

Nginx vs Apache: Confronto Testa a Testa e Come Scegliere

 

Sia Nginx che Apache sono prodotti maturi con ricche funzionalità e alte prestazioni. Condividono comuni origini open-source e puoi distribuirli sia su server Windows che Linux.

 

Tuttavia, alcune differenze chiave potrebbero farti scegliere uno piuttosto che l’altro.

Per esempio, Apache è una soluzione completa che supporta diverse tecnologie e moduli out-of-the-box. Al contrario, Nginx si affida a moduli di terze parti per espandere le sue funzionalità.

Per vedere quale server web potrebbe soddisfare meglio le tue esigenze, approfondiamo queste opzioni.

 

Leggi anche: Gli 11 Migliori Plugin Di Backup per WordPress a Confronto

 

 

Apache – Il server web eroe originale

Creato nel 1995 da Robert McCool e originariamente chiamato “Apache HTTP Server Project” (da cui il nome), Apache è stato progettato per creare un server robusto, di livello commerciale e libero da usare, anche con modifiche. Divenne popolare molto rapidamente perché poteva funzionare su molti sistemi operativi diversi, da Unix a Windows.

A causa di questa lunga popolarità, considero Apache come il server web “eroe originale”. È robusto, ben documentato e supportato da una comunità aperta di sviluppatori sotto gli auspici della Apache Software Foundation.

 

 

Nginx – Titano di una nuova era

Nginx (pronunciato come “Engine X”) è un server HTTP e reverse proxy, un server mail proxy e un generico server proxy TCP/UDP utilizzato per ospitare siti web e applicazioni di tutte le dimensioni. È stato rilasciato pubblicamente per la prima volta dallo sviluppatore russo Igor Sysoev. L’obiettivo iniziale di Nginx era quello di risolvere il problema C10K che Apache faticava a gestire.

 

 

Differenze notevoli tra Nginx e Apache

Nginx vs Apache: Confronto Testa a Testa e Come Scegliere

 

Architettura

Nginx e Apache condividono alcune somiglianze nella loro architettura di base. Per esempio, entrambi usano processi master-worker per migliorare le prestazioni. Hanno anche file di configurazione simili. Tuttavia le differenze nello stile architettonico si traducono in una significativa variazione delle prestazioni ad ampio raggio.

Nginx ha un’architettura event-driven rispettosa delle risorse che utilizza piccole ma costanti quantità di memoria sotto carico. Questa caratteristica lo rende ideale per ospitare siti web con alti livelli di traffico o quelli che hanno picchi di traffico intermittenti.

L’architettura basata sui processi di Apache gestisce ogni connessione attraverso un thread dedicato, che richiede più memoria. Tuttavia, scala meglio sotto carichi pesanti su macchine con più core della CPU e RAM.

 

 

Utilizzo della memoria

Nginx è noto per le sue alte prestazioni e il basso consumo di risorse. D’altra parte, Apache può essere intensivo di memoria, specialmente quando si eseguono più blocchi di server. Mentre entrambi utilizzano la memoria per gestire le richieste HTTP, Nginx è più leggero.

Il design di Apache significava che generava un thread per ogni connessione e ogni thread utilizzava una certa quantità di RAM. Con l’aumento del traffico, questo potrebbe portare a problemi in quanto sarebbe necessaria più RAM, in particolare sui server con meno memoria. Apache crea anche nuovi processi per ogni richiesta, anche dallo stesso utente.

In confronto, Nginx utilizza un processo per gestire più connessioni contemporaneamente.

 

 

Gestione del PHP

 

Poiché entrambi questi server web lavorano principalmente con PHP, il modo in cui gestiscono il codice significa un significativo potenziale di prestazioni. Nginx non esegue direttamente PHP per impostazione predefinita. Invece, passa la richiesta a PHP-FPM (FastCGI Process Manager), che gestisce la richiesta e invia una risposta a Nginx, che poi serve il contenuto al client.

Poiché Nginx non aspetta una risposta da PHP-FPM per servire un’altra richiesta (in modo simile a come non aspetta una risposta dai client quando serve contenuti statici), Nginx può gestire più richieste contemporaneamente di quante Apache sia in grado di gestire.

 

Apache utilizza un modulo chiamato mod_php per eseguire il codice PHP. In questo modello, ogni volta che arriva una richiesta HTTP, Apache genera un nuovo processo o thread (a seconda di come è configurato) per gestire quella richiesta. Questo processo è anche responsabile della gestione di qualsiasi richiesta PHP all’interno di quella richiesta.

Questo modello funziona, ma ha alcuni svantaggi. Per prima cosa, generare un nuovo processo per ogni richiesta può essere intensivo per il sistema, specialmente se ci sono molte richieste simultanee. Generare un nuovo processo per ogni richiesta PHP all’interno di una richiesta è ancora più intensivo poiché il sistema operativo deve generare un nuovo interprete per ciascuna richiesta.

 

 

Come scegliere tra Nginx e Apache

 

Come puoi vedere, non c’è un chiaro vincitore tra questi colossi del web server. Dipende principalmente da cosa hai bisogno che il webserver gestisca.

 

Scegli Apache se:

Stai gestendo un sito web di medie/grandi dimensioni che probabilmente crescerà significativamente nel tempo e richiede moduli personalizzati.
Hai molti host virtuali o moduli abilitati nel tuo server e hai bisogno di tutti all’avvio.
Stai gestendo un piccolo sito web e non vuoi spendere il tempo per imparare a configurare correttamente Nginx.

 

Usa Nginx se:

Stai gestendo un sito web su larga scala e vuoi configurare facilmente il caching e il bilanciamento del carico allo stesso tempo senza preoccuparti delle limitazioni hardware.

 

 

Pensieri finali su Nginx vs Apache

 

L’utilizzo di Apache o di Nginx dipenderà dalle tue esigenze e dall’hardware che stai utilizzando. Puoi usare entrambe le opzioni per servire siti web PHP. Ma c’è molto altro da considerare oltre a questo.

Se hai un sito web semplice, potresti non notare alcuna differenza tra loro. Ma se il tuo sito riceve più traffico e cresce, avrai bisogno di sapere come ogni server si comporta e si scala sotto carico.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: Impara Restando a Casa: con AccademiaDomani 120 corsi a 59 euro

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Attiva Notifiche OK No Grazie