Evoluzione Della Grafica nei Videogiochi

Evoluzione Della Grafica nei Videogiochi

 

Oggi, si può sostenere che la grafica dei videogiochi ha raggiunto il punto del fotorealismo, e forse si è anche spinta oltre. I mondi digitali che possiamo esplorare e con i quali possiamo giocare sono più belli e più interessanti di molti aspetti della nostra realtà fisica.

 

Naturalmente questo non è sempre stato il caso, ed è stata una strada lunga e difficile per arrivare ai livelli di fedeltà che possiamo sperimentare oggi, quindi ecco uno sguardo ai punti principali in cui sono stati fatti dei salti nella credibilità grafica.

 

 

 

Inizi in Bianco e Nero

Evoluzione Della Grafica nei Videogiochi bianco e nero

 

La prima console per videogiochi disponibile in commercio, la Magnavox Odyssey, può essere stata dimenticata da tutti tranne che dai giocatori più accaniti, ma abbiamo un debito con lei per aver contribuito a fondare quella che ora è diventata un’industria multimiliardaria.

Quando era collegato ad un tradizionale televisore CRT, l’Odyssey poteva produrre solo un trio di forme quadrate e una singola linea, con un’immagine in bianco e nero che significava che la maggior parte del lavoro era fatto dall’immaginazione dei giocatori.

Nonostante ciò, gli sviluppatori furono in grado di creare 28 giochi diversi per il sistema nel corso dei suoi tre anni di vita nei primi anni ’70, e questo è un testamento del fatto che anche la grafica più semplice era evocativa e coinvolgente.

—————————————-

 

 

Colore e Complessità

videogiochi a colore

 

Con l’arrivo della seconda generazione di console per videogiochi alla fine degli anni ’70, non solo macchine come l’Atari 2600 e l’Intellivision furono costruite per visualizzare forme più complesse ma anche per farlo a colori.

Naturalmente, con alcune che offrivano solo 8 colori e persino la macchina Atari, leader di mercato, che produceva un massimo di 128 colori alla volta, la gamma e il dinamismo erano ridicolmente limitati per gli standard moderni.

Anche così, era sufficiente per rappresentare giochi più complessi, dai successi arcade come Pac-Man ai giochi da casinò come il poker, la roulette e le slot. In effetti ci sono molti fatti divertenti sulle icone delle slot machine, e l’ascesa della grafica basata sugli sprite a questo punto ha permesso alle nuove generazioni di sperimentare tutti i tipi di titoli adattati dagli equivalenti del mondo reale, così come i concetti completamente nuovi sognati dagli sviluppatori pionieri.

—————————————–

Leggi anche: Telefoni Resistenti Agli Urti, All’Acqua e Alla Polvere – Ecco Dove Trovarli

 

 

 

Le Ambizioni a 8-bit e Oltre

video giochi a 8 bit

 

Con l’inizio degli anni ’80, la terza generazione di console di gioco e il relativo salto grafico continuarono a costruire su ciò che era venuto prima.

Il Master System di Sega e il Famicom di Nintendo, rilasciato come NES in Nord America, non solo aumentarono la gamma di colori a disposizione degli sviluppatori, ma introdussero anche uno scorrimento fluido e accelerato dall’hardware in modo che piuttosto che schermate statiche con sprites in movimento, gli sfondi potessero cambiare al volo, inaugurando un’era in cui i platform 2D dominavano.

Anche con l’arrivo delle console a 16 bit che sostituivano i loro predecessori a 8 bit e con alcune tecniche intelligenti utilizzate per dare l’impressione di una grafica tridimensionale primitiva, questo era ancora un periodo dominato da titoli 2D. Ma tutto questo sarebbe cambiato a metà degli anni ’90.

—————————————

 

 

Emerge un nuovo sfidante

Evoluzione Della Grafica nei Videogiochi

 

Mentre Sega e Nintendo erano visti come i re delle console fino a questo punto, Sony entrò in scena con la PlayStation e cambiò tutto.

Certo, la macchina Sony di prima generazione poteva fare grafica 2D e farla bene, ma il 3D era davvero al centro delle caratteristiche del sistema e titoli come Ridge Racer dimostrarono che non solo le console domestiche potevano elaborare grafica poligonale colorata, ma anche farlo molto velocemente.

Nintendo tentò di superare Sony con l’N64, che era sicuramente più potente della PlayStation ma fu ostacolata dalla sua dipendenza da cartucce a bassa capacità e alto prezzo piuttosto che dai dischi ottici che Sony aveva abbracciato.

——————————————–

 

 

L’HD ha il suo momento

videogiochi in hd

 

Dalla metà degli anni ’90 ai primi anni 2000, le successive generazioni di console erano in grado di pompare più triangoli ed effetti per stupire il pubblico di tutto il mondo, ma poiché i giocatori utilizzavano ancora la vecchia tecnologia dei televisori CRT, c’era un limite a ciò che si poteva raggiungere in termini di chiarezza visiva.

 

I pannelli ad alta definizione hanno raggiunto il mainstream a metà degli anni 2000 e la Xbox 360 di Microsoft ha portato il vero supporto HD alle masse nello stesso periodo.

Questo è stato probabilmente l’ultimo grande salto in termini di grafica dei videogiochi. Al momento la canzone e la danza che circonda il ray tracing è in corso, ma la differenza rilevabile nella fedeltà tra giochi non-RT e RT è minima rispetto al passaggio all’HD.

 

Ora il principale campo di battaglia per il progresso dei videogiochi è lo storage; le capacità di accesso superveloce sia della PlayStation 5 che della Xbox Series X stanno rendendo le esperienze più interessanti di quelle rese possibili dalla loro pura potenza grafica.

Sarà interessante vedere dove andrà la grafica, ma per ora sembra che sia stato raggiunto un buon livello.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: Diventare un esperto di videogiochi. Perchè no!

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Attiva Notifiche OK No Grazie