Come Aumentare le Iscrizioni alla Tua Lista E-mail

Come Aumentare le Iscrizioni alla Tua Lista E-mail

 

Se hai letto più di una manciata nei nostri post allora saprai quanto io sia convinto di avere una lista di email per il tuo blog. Per quanto mi riguarda, è uno dei modi migliori (se non il migliore) per connetterti con i tuoi lettori. 

 

Quindi sì, avere una lista di email è importante. Ma come puoi immaginare, avere una lista vuota (o una che ha solo gli indirizzi email della tua famiglia) non ti aiuterà molto. Quindi oggi voglio parlare di come aumentare le iscrizioni alla tua lista email.

 

 

 

Come ho iniziato

 

Quando ho iniziato l’RSS era salutato come la prossima grande cosa. Ogni blogger aggiungeva la grande icona arancione al proprio sito in modo che le persone potessero iscriversi al loro feed.

O almeno questo è quello che speravano che accadesse.

Sfortunatamente, i feed RSS non erano le cose più facili da sottoscrivere o da tenere aggiornate.

 

Così ho creato una lista di e-mail e ho iniziato a mandare delle newsletter con i link ai nostri ultimi post e l’ho aggiunto al blog come un altro modo per iscriversi.

Come si è scoperto, è stata una delle cose migliori che abbia mai fatto per il mio blog.

 

 

 

Perché l’e-mail?

 

Allora perché l’e-mail? Certo, l’RSS potrebbe non essere decollato come avrebbe dovuto. Ma molte cose sono cambiate da allora e ora abbiamo tante altre piattaforme – Facebook, Twitter e così via.

Beh, la risposta più ovvia è che praticamente tutti quelli che hanno una connessione internet sanno come usare l’e-mail. E la maggior parte delle persone controlla la propria e-mail ogni giorno.

 

Un’altra ragione è che puoi praticamente garantire che l’e-mail arriverà (beh, almeno fino a quando i filtri anti-spam non saranno coinvolti). Quando crei un post su Facebook sei praticamente in balia dell’algoritmo che usano quel giorno. Questo significa che puoi mantenere un contatto regolare con i tuoi lettori, il che ti aiuta a costruire un rapporto di fiducia con loro.

 

E a differenza dei post di Facebook e Twitter che possono sparire nel giro di pochi minuti, le email rimangono nei paraggi fino a quando il lettore non prende la decisione consapevole di cancellarle.

(In realtà, c’è un’altra ragione per cui le email potrebbero funzionare così bene per le vendite. A differenza del nostro blog, le nostre email non hanno pubblicità AdSense o altre potenziali distrazioni).

 

Non hai ancora una lista di email per il tuo blog? Allora dovresti davvero iscriverti ad un provider di servizi e-mail e crearne uno. Alcuni di loro offrono anche piani gratuiti per coloro che hanno appena iniziato. (Non pensare nemmeno di inviare la tua newsletter dal tuo account Gmail. Finirebbe solo in lacrime).

 

Ecco tre fornitori di servizi e-mail che raccomandiamo:

  • Convertkit, che è gratuito fino a 1.000 iscritti
  • Mailchimp, che è gratuito fino a 2.000 contatti
  • AWeber, uno dei più usati

 

Leggi anche: Cosa Chiedersi Prima di Assumere un’Agenzia di Marketing

 

 

Cose da tenere a mente

 

Una volta che hai creato la tua lista di email e sei pronto ad inviare la tua newsletter, devi tenere a mente alcune cose.

  • Mantieni la tua lista attiva. Se non continui ad inviare email regolari ai tuoi iscritti, potrebbero dimenticare di essersi iscritti in primo luogo.
  • Aggiungi valore ovunque tu possa. Non usare la tua lista solo per vendere cose agli iscritti. Assicurati di includere qualcosa di utile che non devono pagare.
  • Una lista di email vuota non è molto utile. Affinché la tua newsletter sia di qualche utilità hai bisogno di iscritti che la leggano.

 

Fortunatamente per te, questo è ciò di cui tratta il resto di questo post.

 

 

 

Ottenere abbonati

A differenza dell’icona RSS, che non offre molta flessibilità, ci sono molti modi per chiedere alle persone di iscriversi alla tua lista di e-mail. Puoi scegliere le parole che usi, le immagini che le circondano, dove si trovano sul tuo sito e anche come viene consegnata la tua newsletter.

Sfortunatamente, tutta questa scelta può far sembrare il tutto un po’ opprimente. Quindi ecco sei cose su cui dovresti concentrarti.

 

 

1. Qual è il beneficio?
Quando cerchi di convincere le persone ad iscriversi alla tua lista, non dire semplicemente: “Iscriviti per ricevere la nostra newsletter settimanale”. Dì loro cosa ne ricaveranno (oltre alla tua puntualità).

E non sceglierne solo una. Prova diverse chiamate all’azione che ti sono venute in mente per vedere quale funziona meglio.

 

 

2. Offri un incentivo
Mentre potresti pensare che ricevere la tua newsletter sia una ragione sufficiente per iscriversi, non fa male offrire qualcos’altro. Sì, potresti scoprire che alcune persone si iscrivono solo per ottenere il tuo omaggio. Ma con il giusto incentivo questo può aumentare drasticamente le iscrizioni alla tua lista email.

 

 

3. Prova diversi colori e immagini
Uno dei test che ho fatto nei primi giorni del mio blog è stato provare diverse immagini intorno alle mie chiamate all’azione. Ho chiesto ad un designer di mettere insieme alcune bellissime chiamate all’azione di tipo pop-up e abbiamo impostato il blog in modo che ognuna apparisse a rotazione.

 

 

 

Ne ho anche disegnato uno per conto mio.

 

Ora non sono un designer e quando ho visto il mio pop-up accanto a quello dei designer, il mio non sembrava neanche lontanamente liscio come il loro. Ma era un po’ più pulito e semplice (per non dire più brutto).

E quando abbiamo avuto i risultati del test, il tasso di conversione del mio era del 30% più alto di tutti gli altri.

Quindi prova alcune opzioni diverse. Prova diversi pulsanti, chiamate all’azione, colori, foto, punti elenco e altri modi in cui appaiono le tue chiamate all’azione. Può fare una grande differenza.

 

Circa un anno dopo ho aggiunto un pop-up che appariva sul mio sito 30 secondi dopo che le persone arrivavano e chiedeva loro di iscriversi. Ero preoccupato che sarebbe sembrato troppo aggressivo e che avrebbe influenzato la mia frequenza di rimbalzo. Ma in realtà è successo che il mio numero di nuovi iscritti è salito a 300-350 iscritti al giorno. (E la mia frequenza di rimbalzo non è cambiata di una virgola).

 

Ci sono molti altri strumenti che puoi utilizzare per raccogliere indirizzi e-mail. E sono abbastanza facili da configurare. Mailchimp e Aweber hanno il loro strumento integrato, ma altri strumenti sono disponibili.

 

In questo momento stiamo usando SumoMe, che include anche altri strumenti di costruzione di liste di email. Usiamo anche OptinMonster, un toolkit di ottimizzazione della conversione.

 

 

 

Non dimenticare i tuoi post sul blog..

 

Uno dei modi più efficaci che ho trovato per far crescere la mia lista è chiedere ai lettori di diventare abbonati nei contenuti che produco.

Questo è particolarmente efficace quando stai facendo una serie di post sul blog che vanno avanti ogni giorno per una settimana, o anche una volta al mese per sei mesi circa.

 

Quindi prova a costruire qualche anticipazione con una serie di post sul blog e vedi come funziona.

 

 

 

 … o i tuoi archivi

Un altro buon posto dove mettere le chiamate all’azione è in qualsiasi post importante che hai nei tuoi archivi.

Probabilmente hai almeno un post che riceve molto traffico da Google.

E poiché le persone arrivano direttamente da Google (e potrebbero non tornare mai più), puoi permetterti di essere un po’ più aggressivo con questi post. Metti una chiamata all’azione per iscriversi in cima al post. Potresti voler includere anche un grafico.

Puoi fare lo stesso per altre pagine chiave del tuo sito – la tua pagina delle informazioni, la tua pagina dei contatti, o qualsiasi pagina che riceve molto traffico.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: Come Abbassare la Frequenza Di Rimbalzo Di Un Sito Web

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Attiva Notifiche OK No Grazie