La Guida Definitiva per Migliorare i Tassi di Apertura delle Email per il tuo Business

La Guida Definitiva per Migliorare i Tassi di Apertura delle Email per il tuo Business

 

“Fallo di nuovo e ti licenzieremo!”.

Prima di sentirlo direttamente dal mio amministratore delegato, ero orgoglioso di me stesso per l’e-mail che avevo inviato a tutti nella mia azienda 2 settimane prima.

 

No, non era uno scherzo odioso o un meme inappropriato.

Invece, era una semplice e-mail relativa al lavoro.

Vedi, stavo lavorando in una posizione in cui ero l’unico che poteva svolgere i compiti per questa azienda di 60 persone.

 

 

Quando mi prendevo una vacanza, la mettevo sul calendario aziendale e impostavo le mie risposte fuori ufficio.

Non importava, la gente avrebbe comunque cercato di chiamarmi mentre ero impegnato a godermi una Pina Colada in Messico.

Così, ho usato alcune tecniche di marketing per essere sicuro che tutti ricevessero la mia e-mail, notificando loro il mio tempo libero.

Il mio oggetto ha suscitato una curiosità che avrebbe rivaleggiato con qualsiasi pettegolezzo dell’ufficio. La linea?

“Perché sto lasciando l’azienda…”.

Ora, ovviamente, il corpo dell’e-mail continuava a menzionare che stavo “partendo” per le vacanze per 2 settimane.

 

Il mio tasso di apertura è stato del 76%! Più alto del tasso medio di apertura della maggior parte dei marketer, potrei aggiungere.

Ma il mio imbarazzo è stato anche per il 76% quando ho ricevuto una severa ramanzina…

In quel momento mi ha confermato che non importa il messaggio, a nessuno interesserà se non lo apre. Anche se potrebbe farti licenziare.

Le email ai tuoi clienti e ai tuoi contatti non sono diverse

 

 

 

Cosa sono i tassi di apertura delle email e perché sono importanti?

Proprio come il mio dilemma, far sì che le persone aprano effettivamente un’email è vitale per qualsiasi campagna email.

I tassi di apertura sono una semplice equazione: Aperture divise per le email consegnate.

 

Quindi, se 50 persone hanno aperto la tua email e sono stati consegnati con successo 500 messaggi, hai un tasso di apertura del 10% (50/500).

In superficie sembra essere solo un altro “numero” per vantarsi tra marketer, giusto?

Beh, è più di questo.

 

Le statistiche dell’email marketing mostrano che miliardi di email vengono inviate ogni giorno.

I guardiani della casella di posta elettronica (Google, Yahoo, Hotmail, ecc.) sono alla ricerca di qualsiasi motivo per spostarti nello spam.

I tassi di apertura sono una metrica chiave che osservano.

 

Ottenere tassi di apertura più alti possibile ti aiuta ad entrare nella casella di posta del tuo pubblico.

Dopo tutto, nessuno saprà che sei in vacanza – o vedrà la tua offerta – se nessuno apre quella dannata cosa!

 

 

Cos’è il tasso medio di apertura delle email?

 

La definizione di tasso medio di apertura delle email dipende da diverse cose. Pensa alla tua normale posta o al tuo post.

 

A seconda dell’aspetto della busta, da chi proviene e se la stavi aspettando o meno, tutto determinerà se sono destinati ad essere cestinati o meno.

Lo stesso vale per le campagne email. Vedrai i tassi medi di apertura cambiare in base a questi fattori principali:

 

Tipo di email

Il tipo di email è transazionale?

Come quando ordini qualcosa online e ricevi un numero di conferma o forse un avviso di spedizione.

Aprirai l’email di spedizione più della conferma del numero d’ordine, giusto?

Forse è quel periodo della settimana per vedere le offerte sulla pizza che ricevi sempre ogni martedì. Per me almeno, questo è circa il 90% di apertura.

 

video

 

E come dimenticare l’aggiornamento delle aziende sempre disprezzate sulle loro nuove politiche sulla privacy? Queste campagne email hanno un alto tasso di cancellazione di sicuro.

 

E non dimentichiamo le divertenti e-mail di spam.

Anche se le email di spam vengono aperte, tu non vuoi essere in questa categoria.

Per industria
Tornando all’esempio della pizza, i ristoranti sono un settore con un grande tasso di apertura delle email.

Perché? Di solito è perché stanno per darti un affare o qualcosa di speciale, e tutti noi mangiamo.

Tuttavia, il marketing digitale o internet marketing (come fare soldi con l’email marketing) tende ad avere un tasso di apertura inferiore.

Ecco i tassi di apertura delle email per settore, come studiato da GetResponse:

 

  • Agenzie: 24.02%
  • Automotive: 23.71%
  • Servizi Legali: 25.49%
  • Internet Marketing: 14.97%
  • Ristoranti e cibo: 30.09%
  • Blog di viaggi: 22.48%

 

Con tutte le industrie nello studio che arrivano al 22,02% di tasso di apertura, puoi vedere le differenze in ogni sezione solo dai pochi esempi qui sopra.

 

Tornando al cibo, penso che tutti amiamo un evento sul cibo. Quindi quel contenuto tende ad avere un tasso di apertura delle email molto migliore della media rispetto alle metriche di altri settori.

Nella stessa lista, puoi vedere che il tasso medio di apertura delle email per l’Internet Marketing è ben al di sotto delle altre industrie.

Prima di preoccuparti di migliorare il tasso di apertura delle tue email, dovrai confrontarti con gli altri nel tuo settore e vedere se è questo il problema.

Se sei già sopra la media, forse faresti meglio a far crescere la tua lista o a migliorare la tua copia per aumentare i tassi di conversione?

 

 

 

Le tue campagne email sono B2B o B2C?

Il tipo di business che gestisci farà sì che le tue campagne di email marketing differiscano anche nei tassi di apertura.

Le liste di email business-to-business tendono ad essere più attese.

 

Questo significa che ci può essere familiarità con i destinatari delle email e i tassi di apertura sono più autentici.

Per non parlare del fatto che nel B2B, il destinatario probabilmente ha solo 1 indirizzo email della sua azienda, quindi le tue email non si trovano in una casella di posta casuale.

 

Detto questo, quando consideri che Google ha riferito che l’utente medio di Gmail ha 1,7 account di posta elettronica a cui accedere, potresti essere nell’account “catch all” e le aperture vanno fuori dalla finestra.

Quindi far salire i tassi di apertura negli ambienti B2C sarà sempre un po’ più difficile, e le statistiche di click through rate saranno più basse.

 

 

 

Migliorare i tassi di apertura delle email o sistemare altro?

 

Se la tua attuale strategia di email ti fa ottenere tassi di apertura medi, ma i risultati sono carenti, potrebbe esserci qualcos’altro che devi sistemare.

 

  • Quali sono le tue call-to-action e quanto sono convincenti?
  • Trasmetti il messaggio chiaramente in modo che sappiano cosa stai offrendo o chiedendo?
  • Quanto spesso ti impegni con la tua lista di email?
  • Stai utilizzando campagne a goccia nella tua strategia?
  • Che numero di email sono un’offerta rispetto a quelle informative?

 

Queste sono alcune domande che potresti aver bisogno di affrontare se non stai vedendo i risultati che speravi con il tuo email marketing.

Ricorda, la tua lista è la tua linea di sangue, trattala come una famiglia.

 

Segui sempre e mantieni le tue promesse e la tua lista ti ricompenserà con un basso tasso di cancellazione e un buon coinvolgimento.

Il successo dell’email marketing non è solo segno e spinta, è una campagna lenta e costante.

 

 

SEMrush

 

I tassi di apertura iniziano con la consegna

 

Ricordi quando ho detto che Google, Hotmail e Yahoo stanno cercando qualsiasi motivo per buttare le tue email nella temuta cartella spam? Stai vedendo un basso tasso di conversione?

Bene, questi provider di posta elettronica possono vedere quante email stai inviando e quando ce ne sono molte che hanno un alto tasso di rimbalzo (non consegnate) questo è un grosso problema per i provider di posta elettronica.

 

I provider di posta elettronica sanno anche quando le persone aprono o meno le tue e-mail. Se troppe email rimangono non lette o cancellate, perché dovrebbero lasciarti arrivare nella casella di posta degli utenti?

Quanto bene ti occupi della tua lista di email può migliorare la tua deliverability, e migliorare i tuoi tassi di apertura, abbassare i tuoi tassi di rimbalzo e aumentare i tuoi tassi di conversione.

 

Leggi anche: 21 App per Muoversi a Londra Senza Pensieri

 

 

Mantenere la tua lista di email

 

Quando è stata l’ultima volta che hai cancellato i tuoi iscritti? Guardando le statistiche del tuo client di posta elettronica, puoi facilmente rimuovere gli iscritti che semplicemente non si impegnano, hanno un basso tasso di clic o non fanno nulla.

Questo da solo migliorerà il tuo tasso medio di apertura all’istante.

 

Controlli che i tuoi indirizzi email siano reali? Sì, le persone mettono indirizzi email falsi o l’indirizzo email di qualcun altro per superare l’opt-in.

Ci sono programmi disponibili che effettuano una scansione in tempo reale per determinare se un’email è reale o no. Questo è qualcosa da considerare soprattutto quando stai iniziando a costruire una lista di email.

 

 

Raddoppia le email

Un altro modo per essere sicuro di ottenere indirizzi email puliti è quello di richiedere un doppio accesso. Questo è un modo per far sì che l’abbonato verifichi il suo indirizzo email prima di entrare ufficialmente nella tua lista.

Ad alcuni marketer non piace fare questo perché se la persona non controlla mai la sua prima email o non la verifica, non è nella lista.

 

Potresti vedere un calo di iscritti di circa il 20% quando usi questa tattica, ma il tuo tasso di apertura delle email sarà molto più alto, poiché la tua lista sarà più pulita – e impegnata.

Un’industria che cerca di evitare il double-opt-in email è l’industria dell’Internet Marketing. Ricordi il loro tasso di apertura delle email?

Non ho altro da aggiungere…

 

 

Controlla se sei nella cartella Spam

Un’altra cosa da controllare per quanto riguarda il tasso di apertura delle email è vedere se stai entrando in quei temuti filtri spam.

Puoi utilizzare uno strumento di MxToolbox per controllare se ci sono problemi di deliverability con la tua email e vedere perché stai andando nelle cartelle di spam.

 

Il loro processo è abbastanza semplice e ti invieranno un rapporto con tutti i problemi che possono ostacolare la tua deliverability

Una volta che hai ripulito la lista e risolto qualsiasi problema di deliverability, anche il tasso di apertura della tua lista di email dovrebbe migliorare.

 

 

 

Aumentare il tasso di apertura

 

Farla consegnare è il primo ostacolo, ma come fai a migliorare il tuo tasso di apertura?

Ci sono alcune altre strategie che puoi implementare e che sono state studiate per aiutarti a migliorare il tuo tasso di apertura generale delle email.

 

 

Nome del mittente

Il primo concetto è semplice: la fiducia

La tua lista di email ti conosce? Sei un nome familiare? Hai firmato la tua email con il nome della tua azienda o con una persona?

Non so dirti quante volte mi sono iscritto ad una lista di email per la persona “A”, solo per ricevere una raffica di email dalla persona “B”.

 

Questa non è assolutamente una buona strategia di email marketing ai miei occhi. Perché i tuoi iscritti dovrebbero fidarsi di te dopo questo evidente errore nelle email?

Puoi immaginare quanto orribile debba essere il loro tasso di apertura facendo così.

 

Quando fai riconoscere il mittente, le tue metriche miglioreranno drasticamente – sia il tasso di apertura che il tuo tasso di conversione.

Mi piace includere sia il mio nome che il nome dell’azienda.

 

 

Aggiungi un’email di benvenuto

Un buon metodo per iniziare sarebbe quello di inviare un’email di “Benvenuto” subito dopo l’iscrizione.

Secondo il rapporto metrico di GetResponse, un’email di “Benvenuto” ha un tasso di apertura dell’86,03%!

 

 

Immagina l’inizio della tua campagna di email marketing aggiungendo solo questa email di “Benvenuto”.

Non solo migliorerà statisticamente le tue aperture, ma avrai la possibilità di presentare te stesso, o la tua azienda/marchio/blog, così gli iscritti inizieranno a conoscerti e alla fine si fideranno di te.

 

Usa una tattica 2 per 1 rendendo la tua email di “Benvenuto” anche la tua email di doppio accesso per aumentare le tue metriche di email marketing!

 

Leggi: App Per Trovare Bancomat Vicino Alla Tua Posizione

 

Linee Guida dell’oggetto

 

Oh, il pane e il burro di ogni email… l’oggetto!

Uno studio ha dimostrato che il 47% delle persone decide di aprire la tua email in base all’oggetto, ma il 69% di loro decide di segnalare lo spam in base alla stessa metrica.

L’oggetto di un’email è il componente più creativo dell’email. Ma può anche essere la fine della tua campagna di email marketing se non è fatto bene.

 

 

E il lettore?

 

È riflessivo? Va “al punto”? Mi fa venire voglia di aprire l’email?

Ho detto prima che mi piace visitare il mio spam per leggere righe di oggetto creative. Alcuni sono provocatori e altri sono semplicemente pigri.

Sanno che ad un certo punto potrei aprire un’email che hanno inviato e forse andrò avanti… sì, giusto!

 

Che li si ami o li si odi, loro lavorano in modo scientifico sulla riga dell’oggetto, secondo me.

Usandoli come punto di riferimento, vediamo come puoi usare questa tattica per migliorare il tasso di apertura delle tue email!

 

 

Lunghezza dell’oggetto

 

Quando si tratta della lunghezza dell’oggetto, ci sono alcune scuole di pensiero.

Per cominciare, non lasciarlo mai vuoto (duh). Finirai nella casella di spam, e questo non è un bene per il tuo tasso di apertura delle email.

Quando guardiamo le metriche, gentilmente fornite da GetResponse, puoi vedere la correlazione tra la lunghezza dell’oggetto e il tasso di apertura.

 

L’ironia? Più caratteri ci sono nell’oggetto, più possibilità ci sono che il tasso di apertura dell’email sia più alto.

La teoria tipica è che una linea dell’oggetto corta crei un migliore tasso di apertura.

Tuttavia, le informazioni che hanno scoperto sono esattamente l’opposto.

 

Circa il 50% delle email che hanno studiato avevano un oggetto di meno di 50 caratteri!

Cioè poche parole e lunghe quanto questa frase.

Ma, man mano che il numero di caratteri saliva, il tasso di apertura dell’email saliva fino al 12% quando superava i 200 caratteri.

 

Ma non preoccuparti, la percentuale di email che avevano righe dell’oggetto più grandi erano poche e lontane tra loro. Non abbastanza per concludere che fosse il colpevole di un alto tasso di apertura delle email.

 

Invece, la ricerca ha scoperto che un messaggio chiaro e conciso nella riga dell’oggetto ha contribuito ad un più alto tasso di apertura delle email.

 

 

Esempi di oggetto

Quando crei il tuo oggetto, hai diversi modi per iniziare. Puoi scegliere il “tono” del tuo oggetto e partire da lì.

A seconda del tuo pubblico, puoi migliorare il tasso di apertura della tua email all’istante.

 

Tipi di linee dell’oggetto:

  • Fomo
  • Divertente
  • Curioso
  • Al punto
  • Personale
  • Punti di dolore

 

Da lì, crea di conseguenza, come ad esempio:

 

FOMO: “Agisci ora prima che questa offerta vada via a mezzanotte”.
Divertente: “Congratulazioni, sei incinta… piani di dieta per i papà-body”
Curioso: “Non avrei mai dovuto inviarlo ai miei iscritti…”
Al punto: “Abbiamo bisogno del tuo voto oggi!
Personale: “Bill, abbiamo notato che non giochi a golf da un po’”.
Punti dolenti: “Golf senza finire nei guai con la moglie”

Quindi, puoi vedere come questi possono diventare creativi. È importante conoscere e capire il tuo pubblico – non posso sottolinearlo abbastanza.

Se hai una lista di clienti di alto profilo, potrebbero non gradire un oggetto FOMO. Essere insistente con un gruppo di persone così può essere un’interruzione.

Ci sono alcune “parole chiave” che puoi usare per quasi ogni tipo di pubblico e che miglioreranno sempre il tasso di apertura della tua email.

 

Ti può interessare: I 4 Siti Per Vendere Online Gratis

 

 

Parole d’ordine nel tuo oggetto

 

Se usate correttamente, le parole chiave possono persuadere qualcuno a compiere un’azione, o provocare un’emozione o una sensazione quando leggono la parola.

Ne esamineremo alcune che puoi provare nella tua campagna di email marketing.

 

La prima parola chiave da considerare, se puoi, è il nome del client di posta elettronica.

È una delle cose che abbiamo sentito da quando siamo nati e inconsciamente ci piace sentirlo e leggerlo.

 

Quando lo vediamo, è più probabile che clicchiamo, aumentando così il tuo tasso medio di apertura delle email. GetResponse ha mostrato un aumento di circa l’1% del tasso di apertura delle email quando si personalizza l’oggetto.

 

Solo il 16% circa di tutte le email che vengono inviate hanno un oggetto personale.

 

 

Alcune altre parole di potere includono, ma non sono limitate a:

 

Gratis – questa può essere una di quelle parole troppo usate, ma per una buona ragione. Quando si trasmette un messaggio, questo assicura che qualcosa ci verrà “dato” senza costi. Ma ogni buon marketer sa che il potere della reciprocità alla fine vincerà.

Questa parola ha anche aiutato con un tasso di apertura delle email di circa il 18% in media.

 

Nuovo – Tutti noi vogliamo essere all'”avanguardia” in qualsiasi settore ci troviamo. Vogliamo anche essere i primi a provare le cose o a conoscere qualcosa che nessun altro conosce.

1234567890 – Usare i numeri invece di scriverli. Quando siamo sommersi da così tante informazioni, il nostro cervello vuole prendere una via d’uscita facile e scremare. I numeri sono un ottimo modo per rompere il ciclo e permettere alla mente di concentrarsi.

L’aggiunta di numeri ad un oggetto aiuterà ad aumentare l’apertura delle tue email perché appare semplicemente diverso.

 

Newsletter – sì, hai letto bene. La parola “newsletter” ha effettivamente un tasso di apertura delle email molto alto: 24,77% quando è nell’oggetto.

Perché questo? Beh, è una newsletter e il destinatario lo sa.

So che non è una parola giusta da mettere qui, ma vale la pena notarlo. Quando la persona sa di cosa trattano le email, è più probabile che apra tali email.

 

 

Curiosità

Proprio come il mio esempio, all’inizio, la curiosità incuriosirà sempre la mente umana.

Aggiungendo un po’ di mistero alle tue righe dell’oggetto, potresti ottenere un tasso di apertura più alto del normale. Ho fornito un esempio sopra, ma un altro esempio potrebbe essere:

“2 nuove cose che puoi fare adesso per migliorare il tuo matrimonio”.

O forse…

“Perché le tue email fanno schifo…”

O questo…

“L’Email Marketing è morto”.

Usa cautela quando sei schietto. Conosci il tuo pubblico.

 

 

Parole da evitare nell’Email Marketing

Proprio come le parole di potere, ci sono anche parole che dovremmo evitare.

Non solo vogliamo evitarle per motivi professionali, ma anche per evitare i filtri antispam.

 

Ecco alcune parole, frasi e consigli per evitare che la tua campagna di email marketing finisca nella cartella dello spam:

  • QUALSIASI COSA TUTTO MAIUSCOLO
  • Troppi segni di punteggiatura!!!? !!!!
  • Applica online
  • Caro amico
  • Regali gratis
  • Guadagnare soldi
  • Fatti pagare
  • Soldi indietro
  • Hai capito l’idea.

Non essere squallido o truffaldino con le persone e andrai bene.

 

 

Offerta convincente

Ah, finalmente la parte difficile. Grandi linee dell’oggetto a parte, la tua offerta è degna di essere aperta?

Assicurati di conoscere il tuo pubblico (disco rotto, giusto?) e porta loro le offerte giuste in modo che continuino ad aprire le tue email.

 

Se tutto il tuo email marketing consiste nel vendere qualcosa ogni volta, puoi aspettarti che gli iscritti diventino inattivi.

Dai valore, porta buone offerte e vedrai il tuo tasso medio di apertura salire.

 

 

Testo di anteprima dell’email

Questo è come la tua seconda riga dell’oggetto.

Apparirà sotto o dopo la riga dell’oggetto per l’osservatore. Di solito NON è nel corpo delle email.

Hai l’opportunità di dare all’abbonato un’altra possibilità di aprire le tue email.

 

Ma come per l’oggetto, usa il pannello di anteprima in modo corretto. Non essere ingannevole e cerca di arrivare al punto.

Puoi aumentare il tasso di apertura della tua email marketing fino al 3% se fatto bene.

 

 

Miglior tempo di invio

Questa era una delle cose principali di cui si preoccupavano i marketer.

Sì, c’è una buona ora e un buon giorno per inviare le tue email alle persone, ma, nella nostra economia globale, questo può essere più difficile da gestire.

La migliore risposta è quella di impostare i giorni di invio dal lunedì al giovedì.

 

La maggior parte delle campagne di email marketing trovano che il loro tasso di apertura è più alto durante la settimana lavorativa e inizia a diminuire dal venerdì.

Per quanto riguarda gli orari, la mattina presto tende ad essere migliore. Il tasso di apertura durante la prima parte della giornata coincide con l’ora del caffè.

Quindi imposta presto gli orari delle campagne e-mail!

 

 

Pertinenza e segmentazione

Questo è simile al mantenimento della tua lista di email, come abbiamo detto sopra.

Segmentare le tue email è un modo per spostare gli iscritti in diverse “liste” basate su azioni o fattori come:

  • Clienti paganti
  • Clienti gratuiti
  • Cliccato su un link
  • Iscritti ad un’altra campagna email
  • Altri filtri o metriche

 

Questo ti permetterà di adattare le tue email a ciò che il destinatario potrebbe essere pronto.

 

Per esempio: L’invio di email “Grazie per essere il nostro cliente fedele” funzionerà bene per qualcuno segmentato come cliente.

Quindi assicurati che le tue email e i tuoi contenuti siano rilevanti per la tua base clienti. Puoi fare questo con la segmentazione.

 

Alcuni strumenti di email marketing possono utilizzare il loro autoresponder per automatizzare questo, controlla se il tuo fornitore può aiutarti.

I nostri preferiti per questo includono GrooveMail, ConvertKit e altri strumenti simili.

 

Leggi anche: Come Analizzare le Prestazioni dei Tuoi Annunci su YouTube

 

 

Ottimizzato per il Mobile

Questo è stato un cambiamento “recente” nelle email negli ultimi dieci anni circa. Dal momento che tutto sta andando verso il mobile, questa è la nuova strategia di marketing.

I rapporti dell’industria mostrano che le email dovranno essere ottimizzate per l’apertura (e la lettura) su dispositivi più piccoli. Il contenuto sarà importante anche su mobile.

 

Concentrarsi su questo può aiutare ad aumentare il tuo tasso di clic e il tasso medio di apertura.

 

L’aumento dell’uso delle email mobili è salito e rappresenta circa il 25% di tutte le email aperte, tuttavia, si attesta anche a circa il 50% di tutte le email CLICKS!

Il numero di utenti mobili che sono la metà del click through rate mostra che la media del settore è destinata ad aumentare. Più concorrenza.

Questo dovrebbe essere un segno che hai bisogno di segmentare la tua campagna e misurare quanto bene sta facendo il tuo contenuto mobile.

 

 

Esegui test A/B Split

Ma, quali linee dell’oggetto proverai? Beh, non posso dirti quali funzioneranno nella tua prossima newsletter, ma…

 

Posso dirti che puoi eseguire quello che viene chiamato split-test per i destinatari, o test A/B su diverse linee dell’oggetto così come il contenuto – questo ti aiuterà a massimizzare i tassi di clic e a migliorare altre metriche chiave.

Puoi testare diversi titoli con i tuoi iscritti – metà ne vede uno, metà ne vede una variazione. Il monitor della campagna traccerà e misurerà le metriche automaticamente.

 

Da lì, puoi vedere quale titolo funziona meglio, o iniziare un altro test per migliorare ulteriormente la metrica.

L’idea è di continuare a testare finché non trovi il modo giusto per la TUA lista.

 

Una volta trovata la formula giusta, i tassi di apertura delle tue email (e, si spera, il tasso di click through) miglioreranno drasticamente.

 

 

Rispedisci alle email non aperte

Una strategia che potresti provare per aiutare a migliorare la metrica dei tassi di apertura delle email è quella di impostare il tuo autoresponder per reinviare i destinatari che non hanno aperto un numero X di email inviate.

Aggiungendo un pixel 1×1 alle tue email, puoi misurare e impostare dei filtri nel comportamento nelle tue dashboard di monitoraggio della campagna.

 

Le aziende possono impostare un numero specifico di giorni di attesa per l’invio e poi provare un’altra volta.

Funziona come una cartina di tornasole per la tua lista. Questo è anche un buon modo per iniziare a pulire la tua lista e controllare quanto bene il contenuto delle tue email stia funzionando.

 

Ricordi le email di benvenuto di cui ho parlato? Forse il double-opt-in non è così male dopo tutto, giusto?

Alla fine della giornata, continua a pulire le tue email.

 

 

Conclusione

Come puoi capire, se hai letto fin qui, le metriche dell’email marketing possono essere una bestia se glielo permetti.

Dalla lotta contro i filtri antispam al fare in modo che i tuoi abbonati si fidino di te, una bella bevuta potrebbe essere la tua nuova normalità alla fine della giornata.

Ma, puoi anche vedere che utilizzando alcune tattiche di base del marketing digitale, puoi aiutare a mantenere la tua lista di email pulita, evitare abbonati cattivi e inattivi e migliorare il tuo tasso medio di apertura delle email.

 

Mantieni i tuoi messaggi chiari e concisi e puoi essere creativo con il tuo soggetto come Picasso.

Ora, vai a prendere quella lista e mostra loro che fai sul serio!

Solo non farti “quasi licenziare” come ho fatto io!

 

 

video

 

 

FAQ

Qual è un buon tasso di apertura per le email 2021?

Un buon tasso di apertura è intorno al 22%. Questo si basa sulle medie di molti paesi, tipi di business (B2B, B2C), industrie e tipi di email. Vedrai tassi di apertura medio-bassi del settore intorno al 14% e tassi di apertura più alti del 30% per il settore della ristorazione e dell’alimentazione.

Con un tasso di apertura più alto, dovresti, per definizione, vedere anche un tasso di clic più alto.

 

 

Cosa influenza i tassi di apertura delle e-mail?

I tassi di apertura delle email dipendono da molti fattori. La deliverability è importante in quanto è una parte dell’equazione. Se la tua email finisce nello spam, è meno probabile che tu ottenga un’apertura per quelle email.

Il fattore successivo è la fiducia. Questo include la familiarità con il mittente e la corretta formulazione dell’oggetto. Questi elementi possono cambiare drasticamente i tassi di apertura delle tue email.

 

 

Come si calcolano i tassi di apertura delle email?

Prendi il numero di email aperte e dividilo per il numero totale di email che sono state consegnate.

La maggior parte dei benchmark dell’email marketing includono questa statistica.

Esempio: Invii 1.000 email. Di queste 1.000 email, 900 sono state consegnate con successo. Controlli le tue statistiche e vedi che 200 sono state aperte. Quindi calcoli il tuo tasso di apertura come 200 (aperte)/900 (consegnate) = 22,22% tasso di apertura.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche: Come Aumentare le Iscrizioni alla Tua Lista E-mail